1907 – 1945
La storia di Agusta inizia nel 1907, quando il Conte Giovanni Agusta, aristocratico siciliano con la passione del volo, fonda la “Costruzioni Aeronautiche Giovanni Agusta”. Presto si trasferisce al Nord e si arruola volontario nel Primo Battaglione
Aviatori della Malpensa. Stabilisce la sua azienda a poca distanza, a Cascina Costa. La produzione di aeroplani conosce un vero e proprio boom durante la Grande Guerra.
Il Conte Giovanni muore nel 1927. A succedergli sono la moglie Giuseppina e il figlio Domenico. Dopo la fine della guerra il settore aeronautico subisce un forte declino, e Domenico decide di diversificare la produzione entrando nel settore delle motociclette, anche se non abbandona il campo aeronautico. Quest’ultimo avrà una nuova ripresa durante la seconda
guerra mondiale, ma oramai le moto sono nel DNA dell’azienda.
1945 – 1960
Dopo la guerra, in Italia, è vietata la produzione di aeroplani. Agusta si concentra sulle motociclette. Nel 1945 nasce la MV, “Meccaniche Verghera”. La prima moto che ne porta il marchio viene presentata ufficialmente nell’autunno dello stesso
anno. Passerà alla storia come “MV 98”. La passione degli Agusta per il volo e la velocità si riconosce nelle motociclette del marchio, dotate di uno spirito combattivo senza eguali e foriero di innumerevoli vittorie sportive negli anni a venire.

1960 – 1992
L’affermazione dell’automobile causa un netto declino delle vendite di motociclette. La risposta di Agusta è di offrire modelli sempre più innovativi e sofisticati, che entusiasmano gli appassionati. Una mossa vincente anche grazie alle continue
vittorie in pista delle MV Agusta. Nel 1965 ha inizio quello che può considerarsi il sodalizio più celebrato della storia del motociclismo, quello tra Giacomo Agostini ed il leggendario tre cilindri MV Agusta.
1992 – OGGI
Il marchio MV Agusta viene acquisito nel 1992 dalla Cagiva di Claudio Castiglioni, che aveva iniziato la produzione di moto 12 anni prima sulle rive del lago di Varese in località Schiranna, dopo aver rilevato la sofferente Aermacchi-Harley-Davidson.
Le MV sono rimaste nel cuore dei veri appassionati di motociclismo, e il successo è immediato

STORIA DEL FORWARD RACING TEAM
La storia del Forward Racing Team risale al 2009. Con il ritiro della Kawasaki dal campionato del mondo, Media Action, agenzia di comunicazione e marketing, che già operava all’interno del paddock della MotoGP, ha colto l’opportunità di imbarcarsi in una nuova avventura. Con le ex infrastrutture di Kawasaki, Media Action ha affrontato questa sfida in modo
innovativo adattandosi alla nuova filosofia della Moto2 di migliorare il sistema delle corse nella categoria media.
Spinto dalla sua grande passione per questo sport Giovanni Cuzari, da quel momento il CEO di Media Action, ha deciso di sviluppare un nuovo progetto in questa innovativa categoria, la Moto2, e sulla base dell’esperienza di tutti i membri della squadra, è nato il Forward Racing Team.
Dal primo inizio in Qatar, il team, con i piloti Corti e Cluzel, ha mostrato immediatamente il suo potenziale dando il via alla sua lotta con una partenza in prima fila e guadagnandosi il podio nella gara inaugurale della stagione. Durante l’anno sono stati conquistati più podi, ma il miglior risultato ottenuto è stato la vittoria a Silverstone. Tutto questo ha incoraggiato
l’idea iniziale di Giovanni e del suo team di mantenere elevati standard di prestazioni.
Il 2011 è stata una stagione di test e di valutazione in cui la squadra è stata in grado di trasformare una serie di complicazioni in un anno di consolidamento. Allo stesso tempo, una grande e altamente prestigiosa azienda italiana, NGM Mobile, è diventata sponsor principale del Forward Racing, inaugurando ufficialmente il team NGM Mobile Forward Racing.
Con obiettivi comuni entrambe le società sono state prontamente in accordo su un progetto di sponsorizzazione firmato su base perenne.
Nel 2012 la NGM mobile Foward Racing Team ha fatto un enorme passo in avanti concorrendo nella classe MotoGP con Colin Edwards, nel suo primo anno di regolamento CRT, pur mantenendo viva l’avventura in Moto2 con Alex De Angelis e Yuki Takahashi. Nella classe regina il team è passato alla storia raggiungendo la pole position e guadagnandosi la prima vittoria nel Gran Premio iniziale della nuova categoria CRT. Allo stesso tempo, una terza posizione al Sachsenring e una spettacolare vittoria al GP della Malesia hanno dimostrato il miglioramento costante del team in Moto2, guidato da esperienza,
competitività, cooperazione, motivazione, ambizione e passione, che sono stati, sono e saranno sempre fattori stimolanti per il team Forward Racing.
Con questo successo nella memoria la squadra sceglie di raddoppiare i piloti e le moto in entrambe le categorie, MotoGP e Moto2, per il 2013. Nella classe regina Colin Edwards è stato affiancato dall’italiano Claudio Corti, mentre Alex De Angelis, in Moto2, ha collaborato con lo spagnolo Ricky Cardus, con Simone Corsi e con Mattia Pasini.
La stagione 2014 è iniziata con nuove sfide e un incredibile schieramento di piloti, ancora più forte dei precedenti. Il team NGM Mobile Forward Racing ha rinnovato il suo impegno nella top-class del Motomondiale entrando nella nuova categoria
Open del Campionato del Mondo MotoGP con Colin Edwards e il talentuoso Aleix Espargaro, il vincitore della classe CRT nei due anni precedenti. Accanto alla squadra MotoGP, il Forward Racing Team ha confermato il duo italiano composto
da Simone Corsi e Mattia Pasini in Moto2. Aleix Espargaro termina la stagione vincendo il Campionato del Mondo nella classe Open, festeggiando un podio eccezionale ad Aragon e una pole position nel GP di Assen.
Nel 2015 lo schieramento dei piloti è formato dal duo Stefan Bradl e Loris Baz che hanno corso in MotoGP, a bordo della Yamaha Forward, così come Simone Corsi e Lorenzo Baldassarri, che hanno partecipato al Campionato Moto2. La stagione si è conclusa su una nota alta: Loris Baz arriva secondo nella classifica generale della categoria Open, mentre Lorenzo Baldassarri conquista il suo primo podio nel campionato del mondo e chiude l’anno con il miglior risultato tra i piloti italiani.
Nel 2016 il Forward Racing Team è tornato alle sue radici, concentrandosi esclusivamente sulla categoria Moto2 presentando uno schieramento completamente italiano targato VR46 Riders Academy, che ha visto Lorenzo Baldassarri e Luca Marini come portabandiera della squadra. Marini, che è salito di livello dal campionato CEV spagnolo, appagato immediatamente da ottimi risultati, conquistando un sesto posto in Germania, questo il suo risultato personale migliore finora, mentre il suo compagno di squadra, Baldassarri, ha impressionato tutti arrivando secondo al Mugello, prima di raggiungere una straordinaria vittoria nel suo GP di casa a Misano.
Il 2017 ha visto lo stesso schieramento dell’anno precedente per il Team Forward in griglia di partenza, ma con l’entrata della squadra anche nel campionato di preparazione al mondiale, il CEV, che come portabandiera ha presentato Lukas Tulovic e Federico Fuligni.
Per la stagione in corso i portacolori del Forward Racing Team sono uno dei cadetti della VR46 Riders Academy, Stefano Manzi, e il giovane talento brasiliano Eric Granado, il quale ha concluso la scorsa stagione come campione europeo del CEV (Campionato Europeo di Velocità) e oltre che vincitore del campionato brasiliano.
GIOVANNI CUZARI – TEAM OWNER
“Inseguo questo sogno sin dai tempi di Claudio (Castiglioni). Numerose volte ho insistito per tornare con MV Agusta in MotoGP, e, quando Giovanni ha preso il posto del padre, spesso l’ho spronato a credere in un progetto tanto ambizioso. Finalmente lo ha fatto, ed oggi, 42 anni dopo, faremo il primo passo con il nostro prototipo di moto2 MV Agusta. Sono emozionatissimo, ma consapevole che questo è solo
un primo esordio e che il lavoro da fare è ancora importante. Ho avuto modo di conoscere da vicino il Centro Ricerche Castiglioni, il vero cuore di MV Agusta, e ora ho la certezza che non ci manca nulla: la passione e la professionalità del gruppo capitanato da Paolo Bianchi, unita al mio meraviglioso gruppo di lavoro, che ringrazio singolarmente, è sicuramente il giusto mix per poter puntare al meglio. Quello di
oggi è un punto di partenza per arrivare a riportare questo marchio davvero in alto. Un grazie va, inoltre, a tutti coloro che hanno sostenuto e sostengono questo progetto, ora la parola passa al cronometro”.
BRIAN GILLEN – PROJECT LEADER
“È da qualche anno che stiamo valutando un ritorno al Motomondiale e con il cambio di regolamento della categoria Moto2 per il 2019, dopo 42 anni ci troviamo davanti all’opportunità di esprimere tutto il nostro “know how” tecnico, sviluppato negli utlimi 6 anni di gare nel mondiale Superbike e Supersport.
Il progetto Moto2 è molto ambizioso e stiamo impegnando tutte le nostre risorse di R&D edesperienza nelle corse per costruire una moto completamente nuova, diversa da tutte le altre ed all’altezza del marchio MV Agusta.”
GIOVANNI CASTIGLIONI – PRESIDENTE DI MV AGUSTA
“Sono molto orgoglioso di vedere il sogno di riportare MV Agusta nel Motomondiale diventare realtà. Volevo ringraziare tutti i nostri ingegneri, tecnici e designer e i ragazzi del Forward Racing Team per avere reso tutto questo possibile in così poco tempo. Un ringraziamento speciale va a Giovanni Cuzari, per aver creduto in noi ed averci spinto a fare il massimo. Ci sarà ancora molto da fare, ma step by step
porteremo la moto ad essere competitiva.”