La voglia di ritornare alle gare di Raffaele De Rosa

 La voglia di ritornare alle gare di Raffaele De Rosa


L’emergenza Coronavirus non ha scalfito la signorilità e la disponibilità del napoletano Raffaele De Rosa.

La classe dello “Scugnizzo più veloce del mondo”, infatti, si nota sia in pista sia lontano dai cordoli.

Abbiamo approfittato, così, di questa lunga pausa forzata per scambiare quattro chiacchiere con il pilota ufficiale dello Mv Agusta Reparto Corse, impegnato in sella ad una F3 675 nel Mondiale Supersport.

De Rosa che ha tagliato il traguardo della gara inaugurale del campionato disputatasi in Australia, sullo splendido circuito di Phillip Island, in seconda posizione.

Esordio scoppiettante

“La gara è stata semplicemente bellissima. In griglia di partenza ero quinto ma con un buon ritmo sono riuscito ad agguantare la seconda posizione. Se fossi stato più attaccato a Andrea Locatelli (il vincitore) nelle prime fasi avrei potuto fare ancora meglio, ma portare a casa 20 punti insieme alla consapevolezza di avere una buona competitività, sono stati buon punto di partenza. Tutta un’altra musica rispetto all’esordio del 2019, quando fui vittima di una caduta. La squadra lavora bene ed è migliorata”.

All’improvviso la burrasca Coronavirus

“Ammetto che all’inizio volevo ripartire a tutti i costi, poi, man mano che diventavano più chiari e al tempo stesso drammatici i dati del contagio, ho capito che nella vita ci sono valori e cose più importanti, come ad esempio l’abbraccio di un familiare. La quarantena l’ho trascorsa a casa (Bacoli), vicino, tra l’altro, al mio moto club, il Cumaricambike. Con il presidente Diego Russo mi sono sentito quasi tutti i giorni ed anche in questo periodo di pausa è stato bello discutere con lui della nostra passione per le due ruote. Insieme non vediamo l’ora di ritornare in pista. Per mia fortuna ho una casa che una bella vista sul mare e con un terrazzo che mi ha permesso di fare sport all’aperto. Il mio amico e preparatore Arturo di Mezza mi ha ogni giorno mandato i programmi da svolgere e mi sono allenato molto con il rullo bici. Paradossalmente mi sono allenato di più in questo periodo che durante la fase di preparazione al campionato perché ho avuto il tempo di curare aspetti che di solito non curavo. Sono in forma anche se, va detto, la moto è un’altra cosa. A proposito, consiglio la lettura del libro Motor Racers-Pronti per la Pista, scritto da Di Mezza. Lo trovo interessante e credo sia adatto anche per gli sportivi che non necessariamente praticano il motociclismo”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *