WSSP 600: Raffaele De Rosa, alfiere della Mv Agusta e del Mc Cumaricambike, racconta la sua stagione

 WSSP 600: Raffaele De Rosa, alfiere della Mv Agusta e del Mc Cumaricambike, racconta la sua stagione

de rosa



Il campionato del mondo della Supersport è stato vinto da Andrea Locatelli ma tra i suoi protagonisti, seppur con prestazioni altalenanti, c’è Raffaele De Rosa.

Lo scugnizzo più veloce del mondo, in sella ad una Mv Agusta F3 675, ha più volte sfiorato la vittoria ed è salito più volte sul podio.

Questo il suo bilancio

“La stagione è iniziata con delle difficoltà perché in squadra avevo Randy Krummenacher, campione del mondo uscente, e Federico Fuligni. A dire il vero fino a poche settimana prima dell’inizio ancora non ero certo di far parte della squadra e solo grazie all’aiuto di uno sponsor campano, l’ALS, ho avuto una moto, seppur con una dotazione tecnica non proprio di prima scelta. Per questo, la seconda piazza agguantata all’esordio stagionale in Australia è stata una grande soddisfazione”.

Pausa Codid-19 e ripresa

“L’emergenza Coronavirus ha bloccato le competizioni e ho trascorsi i giorni del lockdown ad allenarmi tutti i giorni come un matto. A Jerez la doccia fredda della squalifica. Ho trovato il provvedimento della FIM assurdo perché nonostante la squadra ha segnalato lei per prima il problema, che la violazione è stata ritenuta involontaria e che nessun vantaggio abbiamo avuto, hanno deciso di squalificarci. Assurdo! In quel periodo, poi, è stato difficile anche da un punto di vista motivazionale, poiché venendo meno Krummenacher, è venuto meno uno bravo nello sviluppo della moto e al tempo stesso un pungolo per me. Così tra tanti problemi, in un campionato difficile e breve che non permette di rimediare in fretta, abbiamo perso due fine settimana e quattro gare”.

Elettronica protagonista

“Sulla pista di Portimao cogliamo un podio. Nella tappa spagnola di Aragòn siamo riusciti a sistemare alcune cose nell’elettronica e così abbiamo centrato due podi. Il contatto con Jules Cluzel è stato un altro brutto colpo. Arriviamo all’Estoril, pista che mi piace molto. In gara 1 sono caduto mentre ero secondo e quindi un’altra doccia fredda. In gara 2, poi, mi sono giocato la vittoria facendo più passaggi in testa; al traguardo ho concluso terzo”.

I ringraziamenti e lo sguardo al futuro

“E’ stata una stagione tutto sommato positiva, seppur pregiudicata da troppi episodi negativi. Ringrazio il team perché alla fine ho avuto un buon pacchetto per stare avanti, la ALS, Arturo Di Mezza, il Presidente Diego Russo del Mc Cumaricambike. In particolare quest’ultimo si è sempre messo a disposizione per ogni mia richiesta negli allenamenti dell’off road. Oggi è tutto fermo in vista della prossima stagione e sono pronto a valutare tutte le opportunità che si proporranno”.raffaele de rosa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *