“Le gomme erano al limite. Ho provato a stare calmo e nel duello per la vittoria sono stato vicino a Phillip, ma non ne avevo. È un secondo posto importantissimo”.

Sono le parole di Marco Bezzecchi che chiude in piazza d’onore il GP di Spagna dopo una gara incerta e tirata, decisa anche da un episodio. Vince, per la prima volta, Phillip Oettl (Sudmetal SchedlGP Racing), forte a tenere il primato nelle curve finali e a resistere alla carica del romagnolo scuola Valentino Rossi.

Con i venti punti conquistati sotto la bandiera a scacchi Bezzecchi si pone al comando della classifica iridata grazie alla vittoria in Argentina e al terzo posto al COTA. L’Italia torna grande protagonista della classe cadetta e un primato tricolore in Moto3™ non si aveva dal 2016.

Terzo al traguardo Alonso Lopez (EG 0,0) che però deve cedere la posizione, per aver superato il limite esterno della pista, a Marco Ramirez, al suo terzo podio in carriera. Con la finitura del pilota Bester Capital Dubai, tre KTM calcano le posizioni che contano e sfidano le Honda, dominatrici della stagione scorsa.

Ma la chiave di volta è la caduta multipla causata dalla scivolata di Aron Canet (EG 0,0). Il pilota Honda, in lotta nel gruppo di testa, perde il controllo della moto in ingresso alla curva 6 e abbatte Jorge Martin (Del Conca Gresini Moto3), Enea Bastianini (Leopard Racing) e Tony Arbolino (Marinelli Snipers Team). Il classico incidente di pista che però ha la conseguenza di frenare la corsa iridata di Martin, ora secondo, e di chiudere le speranze di vittoria dei due italiani.