MARC MARQUEZ 10 e lode: Il fenomeno spagnolo ancora una volta mette in fila gli avversari e ancora una volta salua tutti dal gradino più alto del podio. Per la settima volta è campione del mondo e per l’ennesima volta è l’uomo da battere. Ancora una volta, laddove la sua moto non è stata all’altezza della rossa, ha fatto la differenza. Vincere non è facile e ripetersi è ancora più difficile; a guardarlo non sembra. Super Saiyan!

CAL CRUTCHLOW 8,5: Secondo gradino del podio per l’inglese, abile nell’approfittare degli errori altrui. Certo non è stato mai per davvero in lotta per la coppa che conta, ma è pur vero che con una moto privata ha battuto molte ma molte ufficiali. Good!

ALEX RINS 8: Il ragazzo di Barcellona anche in Giappone fa capire perché la Suzuki ha fatto bene a puntare su di lui e non su GhIannone (si schevza Andvea ).Vamos!

VALENTINO ROSSI 6,5: Se neanche dopo varie cadute sali sul podio, non basta essere il primo pilota della marca a tagliare il traguardo per dire che la tempesta è passata. E’ sempre lì a sottolineare qualcosa che non va; maestosa è stata la colpa della pressione delle gomme. Caro dottore ma una volta, dico una sola volta, non è mai colpa sua? Dai, almeno una volta, una…Nel frattempo sono 9 gli anni che non vince un “titulo”. Anni che hanno fatto capire il suo reale valore. Certo qualcuno a 42 anni ha vinto un mondiale ed un altro a 39 anni ha vinto una gara in F1. Quelli, però, sono un’altra cosa. Salvi il salvabile e mi consenta: si ritiri. Lamentosino!

ANDREA DESMODOVI 3: Pole position, moto in palla, 0 punti. Si è trattato di andare oltre ma ancora una volta è venuto meno. Questa è la differenza tra un buon pilota ed un campione. Bocciato!

HONDA: La migliore solo con il migliore.

DUCATI: La migliore nonostante un non migliore.

SUZUKI: In miglioramento.

YAMAHA: Alla ricerca di scuse migliori.

KTM e APRILIA: I distacchi migliorano ma in peggio.

DOLORI E SOFFERENZE POST GARA: Non potendo più gioire come ai bei tempi, alcuni si sono inventati tifosi di chi, pur essendo italiano alla guida di un’italiana, fino a ieri lo hanno ignorato. “Ah, vai…Sììì!! Provaci! Dai! Ecco!!” E tac…muti e sofferenti come vedove da nozze d’oro. Nel motociclismo a contare davvero è il talento non la nazione di provenienza. Se ancora una volta questo aspetto non vale, allora c’è malafede ossia motivi che non hanno nulla di sportivo. Malafede che spinge, addirittura, uno a paragonare il Dovi a Biaggi (rispetto la libertà d’opinione ma anche la libertà di dimostrarsi incompetenti) e tirare in ballo Stoner, per alludere che la sua era una malattia immaginaria. Purtroppo per queste vedove i dolori e le sofferenze post gara sono un’amara e atroce realtà. Mannaggia mannaggia!

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp