Un bel Napoli costringe la Juve a difendersi, Higuain impalpabile

 Un bel Napoli costringe la Juve a difendersi, Higuain impalpabile


La sera della grande sfida lascia tifosi del Napoli con un po’ di amaro in bocca; finisce con un pareggio, 1-1 e, per come si erano messe le cose dopo neanche dieci minuti di gioco, potrebbe sembrare un risultato soddisfacente ma, purtroppo, non è così. Pronti , via e la Juve va subito in vantaggio , con una facilità disarmante, sembra la premessa di una disfatta che fa venire i brividi solo a pensarci ma gli azzurri non accusano il colpo, non si lanciano in arrembaggi confusi, non danno alcun segno di nervosismo ma, contrariamente al passato, reagiscono da squadra matura, consapevole della propria forza e cominciano  a costruire con calma azioni su azioni, sa che prima o poi le occasioni da goal arriveranno e andranno sfruttate con lucidità. Così sarà, Hamsik si da da fare a distribuire il gioco, Allan e Jorginho fanno i mastini a centrocampo pronti a mordere le caviglie degli avversari e ad impedire ogni ripartenza juventina, Hyasj e Strinic spingono sulle fasce con dedizione ed in avanti Insigne, Mertens e Callejon cercano la giocata ad effetto che solo dai loro piedi può nascere per mettere al tappeto la retroguardia bianconera. Il primo tempo finisce con la Juve ancora  sull’1-0  ma  con  la consapevolezza , da parte del Napoli , di aver impostato la gara nella giusta maniera e che lo svantaggio  è solo l’effetto di un singolo episodio sfortunato. La seconda parte della gara non cambia il copione dello spettacolo serale: Napoli sempre proiettato in avanti e Juve arroccata, come una provinciale, in difesa a tutela del vantaggio acquisito. I ragazzi di Sarri macinano gioco minuto per minuto e le occasioni pericolose iniziano a farsi più ricorrenti , nell’aria  si sente profumo di goal che puntualmente arriva al 60’ con l’uomo più rappresentativo di questo Napoli e che , probabilmente, meritava la giusta vetrina,  Hamsik : il capitano , pescato in piena area da un perfetto assist di Mertens, piazza la palla con uno splendido tocco di destro quasi all’incrocio dei pali ed insacca. E’ la giusta ricompensa per tutto ciò che si era visto , fin lì, sul terreno di gioco: Gli azzurri credono nell’impresa , continuano a spingere e quasi riescono a passare n vantaggio, pochissimi minuti,  dopo con Mertens che , approfittando di un errore difensivo di Asamoah, si intrufola tra le linee bianconere, anticipa Buffon ma colpisce clamorosamente il palo. La Juve capisce di rischiare grosso ed inizia a pressare e fare gioco con più convinzione, la partita si fa più equilibrata e da quel momento non offre più spunti interessanti. Finisce in parità con i campioni d’Italia felici per il punto preso ed il pericolo scampato mentre gli azzurri orgogliosi per la propria  prestazione ma delusi per il risultato poco gratificante.  Mercoledì secondo round con la sfida di ritorno di coppa Italia.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

DarioGiuffrida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *