Prima di tutto un ben tornato al 3 volte campione del mondo Wayne Rainey che torna a Misano, pista dove chiuse la sua carriera a causa del drammatico incidente che lo paralizzò dalla vita in giù, dopo 18 anni, un professionista vero che ha dato tanto al motociclismo mondiale.

Analizzando la gara molti pensavano che Lorenzo avesse tirato i remi in barca rendendo la vita semplice a Casey Stoner, invece con la gara di ieri, lo spagnolo ha dimostrato che quando nasci campione, ci rimani.

Erano quattro gare con non vinceva, ma ieri ha dimostrato di avere un passo eccezionale lasciandosi dietro le honda ufficiali rifilandogli secondi pesantissimi.

Il leader del mondiale Stoner, parte bene ma da metà gara in poi un calo fisico, ammesso dal pilota stesso, non gli ha permesso di lottare per la vittoria, sorpassato anche dal suo compagno Pedrosa, che indubbiamente fa un bel regalo a Lorenzo, facendogli recuperare ben 9 punti sull’australiano. Bella lotta per il 4° posto tra Dovizioso e Simoncelli, che oltre alla classifica finale si contendono anche un posto in squadra per il prossimo anno, un ultimo giro davvero bello dove ha la meglio Simoncelli battendo il “Dovi” con solo 37 millesimi di vantaggio. Chiude il gruppo dei primi Ben Spies, che non riesce ad andare oltre la sesta posizione.

Davvero inaspettata la gara di Rossi che “azzecca” la partenza e si ritrova nel gruppo dei “veloci” non sfigurando, girando con un passo poco superiore ai primi, peccato che con l’andare della gara, sparisce chiudendo in settima posizone a 23 secondi da Lorenzo. Ancora un buon piazzamento per Bautista con una Suzuki in crescita continua. Non bene Capirossi che è costretto al ritiro per guai tecnici alla sua Ducati.

Ora tra Stoner e Lorenzo c’è un gap di 35 punti con ancora cinque gare da disputare, quindi discorso mondiale ancora aperto, con lo spagnolo che sembra aver riacquistato la grinta che gli era mancata negli ultimi gran premi disputati e con uno Stoner che dovrà solo amministrare il vantaggio per laurearsi campione del mondo.

 

Questa la classifica

 

01- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZR M1 – 28 giri in 44’11.877
02- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 7.299
03- Casey Stoner – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 11.967
04- Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 17.353
05- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 17.390
06- Ben Spies – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZR M1 – + 18.092
07- Valentino Rossi – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP11.1 – + 23.703
08- Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 30.678
09- Hector Barbera – Mapfre Aspar Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 37.502
10- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 37.720
11- Hiroshi Aoyama – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 39.548
12- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – Ducati Desmosedici GP11 – + 40.506
13- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 53.349
14- Randy De Puniet – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 1’02.366
15- Toni Elias – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 1’20.156

 

 

[nggallery id=28]

 

Emanuele Bompadre