Sport nelle scuole: un banco di prova della prossima Amministrazione di Anguillara

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Ad Anguillara, lo sport nelle scuole è considerato un’attività di cui si può fare tranquillamente a meno, tanto che in alcune di esse manca come pratica.
E’ un problema che si avverte perché, per quanto non considerato bisogno primario per gli studenti, lo sport è l’insieme di quelle attività che contribuisce a sviluppare il nostro apparato fisico e mentale e a ciò non si deve rinunciare.
Oltre a questo, l’attività sportiva è anche portatrice di valori universali quali il rispetto, la socializzazione, lo spirito di squadra e, non ultimo, la lealtà e l’osservanza delle regole che consentono di lottare per ottenere una vittoria.
Praticato con tali concetti, lo sport si avvicina a quello dei greci che consideravano sacrilegio ogni ostilità manifestata durante i giochi olimpici e che addirittura sospendevano le battaglie per poter dar sfogo alle loro competizioni sportive.
Andando ancora più indietro, agli albori, scopriamo che lo sport ha radici profonde, antiche quanto l’intelligenza umana. L’uomo primitivo usava l’attività fisica per conoscere la natura circostante e per sentirsi padrone dell’ambiente in cui viveva; da ciò ne traeva sicuramente sostentamento, ma anche divertimento e svago.
Da sempre, quindi, la pratica sportiva fa parte dell’essere umano e si diffonde più o meno nelle società a seconda del suo sviluppo culturale ed economico.
Lo sport aiuta il progresso, educa, frena il dilagare dei vizi e degli ozi e per questo merita un’attenzione di tutto rispetto.
Sarà compito della nuova Amministrazione comunale, tornando ad Anguillara, occuparsi di tale settore attribuendo allo sport la giusta rilevanza.
Si potrebbe cominciare dalle scuole elementari, in via sperimentale, formando gli alunni alla “pedagogia sportiva”, teorica ma soprattutto pratica, offrendo la possibilità di fare sport non solo nella palestra della scuola, ma anche in altre strutture esterne messe a disposizione dal Comune per insegnare discipline che a molti rimarrebbero sconosciute.
Esiste già ad Anguillara un “villaggio dello sport” con due grandi strutture coperte con piscina, pista di pattinaggio… ed ancora, due associazioni calcistiche e tante altre possibilità a costi molto limitati, che potrebbero prestarsi ad un eventuale progetto sportivo-educativo. 
Servirebbe, da parte del Comune, la volontà di coordinare il tutto per sensibilizzare i diversi enti.
Saremmo comunque lontani dal concetto di “college” all’americana, ma sarebbe un piccolo passo verso una scuola che insegni a prendersi cura sia del corpo che dello spirito.

Carlo Zugarelli

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/161/” title=”161″]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick