Concluse le sfide al Yumenoshima Archery Field dove si è svolto il “Ready Steady Tokyo Test Event”. I risultati sul campo hanno premiato la Corea del Sud, vincitrice del mixed team (Joen, Kim) e nell’individuale con Lee Seungyun e An San, rispettivamente nel maschile e nel femminile, ma ha dato soprattutto le indicazioni utili ai 130 arcieri di 29 Nazioni che hanno partecipato in merito ai Giochi Olimpici e Paralimpici della prossima estate.

Esattamente come aveva preventivato l’aviere azzurro Mauro Nespoli prima della partenza, la competizione ha fornito agli atleti molti ragguagli sul clima (il prossimo anno la competizione arcieristica si disputerà quasi negli stessi giorni, dal 24 luglio al 1 agosto, mentre il tiro con l’arco alle Paralimpiadi si svolgerà dal 28 agosto al 5 settembre).

Sono state numerose le informazioni riguardanti gli agenti atmosferici, specialmente in riferimento alla luce e al vento, senza dimenticare la pioggia, visto che nei giorni di gara ha spesso piovuto. La presenza dell’Italia in loco è stata importante naturalmente anche per studiare al meglio la logistica, per conoscere nel dettaglio tutte le tempistiche degli spostamenti dal Villaggio Olimpico all’impianto di gioco, che resterà a disposizione degli arcieri nipponici anche dopo i Giochi, ad esclusione della parte del campo dedicata alle finali, che verrà convertita dopo la competizione, eliminando gli spalti e gli uffici che serviranno per la competizione Olimpica e Paralimpica.

I RISULTATI INDIVIDUALI

Per quanto riguarda le gare, che prevedevano solo la competizione individuale e a squadre miste, senza quella a squadre maschili e femminili che invece farà parte del programma Olimpico, va registrato il dominio coreano. Nel ricurvo maschile la fortissima selezione asiatica piazza due arcieri ai primi due posti. La finale tutta coreana si conclude con un netto 6-0 di Lee Seungyun sul compagno di squadra Kim Woojin. Bronzo per Brady Elison (USA) che batte 6-4 Sjef Van den Berg. Proprio l’olandese è stato il giustiziere di Mauro Nespoli. Ai quarti di finale i due atleti hanno dato vita ad una lunga battaglia in cui l’azzurro è stato superato con il punteggio di 6-4.

In precedenza Mauro Nespoli aveva battuto al primo turno l’indiano 7-1 Tarundeep Rai e si è ripetuto con lo stesso risultato agli ottavi con Steve Wijler. L’olandese in precedenza aveva battuto Marco Galiazzo 6-4. Eliminato anche David Pasqualucci dopo la sconfitta 6-2 contro l’indiano Atanu Das.

La giornata conclusiva del torneo femminile al test event di Tokyo 2020 vede Tatiana Andreoli uscire di scena ai quarti di finale dopo una rocambolesca sconfitta allo shoot off contro Deepika Kumari 6-5 (9-9*). La sfida arriva alla freccia di spareggio dopo una lunga lotta, entrambi i tiri finiscono sul 9 ma quello dell’avversaria si avvicina di più al centro e quindi elimina l’azzurra. In precedenza Andreoli aveva battuto agli ottavi la forte tedesca Lisa Unruh con un secco 6-2 e nei turni precedenti 7-3 la statunitense Erin Mickelberry e poi 7-1 l’olandese Gabriela Bayardo.

Uscite entrambe ai 32esimi Lucilla Boari e Vanessa Landi: la prima è stata fermata dalla tailandese Narisara Khunhiranchaiyo vincente 6-2, Landi si è dovuta arrendere all’indiana Bombayla Devi Laishram 7-3.

Il podio femminile della manifestazione vede al primo posto la coreana An San che batte 6-0 proprio Deepika Kumari mentre il bronzo va al collo dell’arciera di Taipei Ya-Ting Tan vincente 7-3 sulla cinese Yichai Zheng.

I RISULTATI DEL MIXED TEAM

Nella gara mixed team gli azzurri Mauro Nespoli e Lucilla Boari non sono andati oltre gli ottavi di finale. La Nazionale è stata sconfitta per 6-2 dai padroni di casa del Giappone (Sugimoto, Muto).

La gara è stata vinta dalla Corea del Sud (Joen, Kim) che in finale ha strapazzato la Russia (Perova, Makhnenko) 6-0 grazie ad una prova superlativa con tutti “10” tranne tre frecce finite sul “9”. Il bronzo è andato al collo della coppia della Colombia (Rendon, Pineda) che ha vinto 5-1 su Taipei (Tan, Kao).