MotoGp Catalogna 2018: la pagella del Dicos

 MotoGp Catalogna 2018: la pagella del Dicos


JORGE LORENZO 10: Il maiorchino regala magnifiche desmodromiche martellate e vince, così, la seconda gara di seguito. Quando pennella in questo modo tra i cordoli, agli avversari non resta che ammirare. Il campionato ritrova un fenomeno mentre la Ducati continua nelle scelte non fenomenali. Vamos!

 

MARC MARQUEZ 9: Gli bastano 5 tornate per comprendere che contro Lorenzo non c’era nulla da fare. Usa la testa e porta a casa, così, 20 preziosissimi punti che gli permettono di allungare in classifica. Intelligente!

 

VALENTINO ROSSI 8: Continua ad essere il pilota Yamaha più veloce, anche se lontano anni luce da chi si gioca la vittoria. Chiede alla casa dei 3 diapason di essere più incisiva, ma dimentica che a guidarne lo sviluppo è proprio lui. Ottimo e abbondante!

 

CAL CRUTCHLOW 7,5: Chiude a 10 secondi dal vincitore ma davanti ad una Honda ufficiale. Tutto sommato la sua è prova positiva. Bravo!

 

DANI PEDROSA 6: Parte bene ma chiude indietro non solo al teammate ma anche ad un privato. In ombra!

 

MAVERICK VINALES 5: Che fine ha fatto il pilota che più volte ha impensierito Marquez? Sembra non essere più lui. In discesa!

 

ANDREA DESMOCASCODOVI 4: Forse è una coincidenza, ma da quando ha rinnovato come prima guida delle rosse di Borgo Panigale, il forlivese da quasi campione si è trasformato in pilota normale, propenso agli errori. Urge un cambio di rotta, anche rapido. Forza!

 

DUCATI: Veloce in pista poco geniale nella scelta dei piloti.

 

HONDA: Se non fosse per San Marc, non sarebbe lì.

 

YAMAHA: Ancora lontana.

 

SUZUKI: Lontana.

 

KTM: Troppo lontana.

 

APRILIA: Lontanissima.

 

GARA: Un pizzico noiosetta.

Загрузка...


Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *