Il Rocca Priora calcio c’è.
E ha subito replicato come meglio non poteva alla prima sconfitta stagionale, quella interna contro la capolista Roma VIII di dieci giorni fa.
Anche mister Paolo Lunardini lo aveva detto: «La cosa più importante sarà capire come reagirà la squadra al primo k.o.».
E i castellani hanno risposto alla grande, vincendo per 2-1 sul non facile campo del Casilina.
Dopo essere andati in svantaggio nel corso del primo tempo (nonostante la superiorità numerica), i castellani hanno ribaltato la sfida grazie alle reti di
Coppitelli e Magretti dopo il “rosso” ad Halauca che aveva ristabilito la parità numerica.

«Nel primo tempo abbiamo avuto pochi spazi, il Casilina era in partita e ci ha limitato – dice il difensore centrale classe 1986 Andrea Torrice – Poi nella
ripresa abbiamo sicuramente cambiato ritmo e le cose sono nettamente migliorate, non a caso siamo riusciti a ribaltare il risultato e a conquistare tre punti
importanti per il nostro morale. Comunque devo dire che la squadra ha sempre tenuto un atteggiamento molto tranquillo e propositivo anche in settimana:
questo è un gruppo che si diverte e cresce giorno dopo giorno, non avevo dubbi che avremmo reagito dopo la prima sconfitta stagionale anche se la partita col
Casilina non era semplice».

Calcio: Il difensore è rientrato a Rocca Priora dopo tre anni

«Devo ringraziare anche pubblicamente la società per come mi ha accolto in estate – rimarca Torrice – Inoltre ho trovato un gruppo mediamente giovane
che si è compattato nel corso delle settimane anche per merito dell’ottimo lavoro di mister Lunardini».
E il Rocca Priora occupa ora il quarto posto del girone G di Prima categoria…
«Se abbiamo pensieri di qualificazione alla Coppa Lazio?
Non ci siamo mai dati pressioni di classifica, anche se guardiamo la graduatoria e sicuramente la troviamo piacevole».
Nel prossimo turno la squadra del presidente Marco Rocchi tornerà a giocare al “Montefiore”: in programma c’è la sfida all’Atletico Zagarolo che in questo
momento ha appena due punti in meno dei castellani.