Volley, Zagarolo Sports Academy, serie C maschile, Cerro: “I play off? Siamo soddisfatti, ma non sazi”

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

C’è stata grande festa sabato sera in casa Zagarolo Sports Academy per il traguardo dei play off raggiunto dalla serie C maschile al primo anno della nuova gestione societaria della presidentessa Petra Prgomet. Il tecnico della prima squadra zagarolese Simone Cerro parla con soddisfazione del risultato ottenuto, ma si proietta anche in avanti.

Le dichiarazioni di Cerro

“All’inizio della stagione eravamo convinti di aver allestito un organico in grado di centrare i play off, poi sono subentrati tanti fattori che ci hanno un po’ condizionato e fatto partire a rilento, come ad esempio la mancanza del palleggiatore Andrea Di Palma per motivi di lavoro che per fortuna ha risolto da un paio di mesi. In tal senso è stato davvero prezioso il contributo dell’altro palleggiatore Davide Armao che ha portato avanti il ruolo nella prima parte di stagione, tra l’altro come Di Palma all’esordio assoluto in questa categoria.

Nel 2022 la squadra ha trovato un passo molto importante raggiungendo la vetta, poi sono arrivate le due sconfitte con Green Volley e Pro Castelnuovo che ci hanno costretto a vincere l’ultimo match sul campo della Roma 7, squadra giovane che poteva guastare la festa. Invece i ragazzi hanno vinto bene il primo set, poi hanno avuto un leggero passaggio a vuoto nel secondo, ma si sono immediatamente rialzati nel terzo e chiuso i giochi nel quarto”.

Il gruppo zagarolese è già con la testa ai play off: “Siamo in un girone con la prima dell’altro gruppo, ovvero l’Appio, e la terza del nostro, cioè la Fenice. Si giocheranno gare di andata e ritorno e la prima classificata sarà promossa in B. Domenica giocano contro le nostre due avversarie e conto di andarle a vedere. Noi? Siamo soddisfatti dell’obiettivo play off, ma non sazi. Abbiamo qualche elemento che è esperto di play off come il libero Luigi Marcelli che li ha vinti a Marino l’anno scorso e andiamo per dire la nostra. La Fenice la conosciamo bene per averla incrociata già due volte, l’Appio lo abbiamo affrontato e battuto in amichevole a settembre, ma probabilmente è una squadra cresciuta tanto da quel momento”.
[smiling_video id=”272996″]


[/smiling_video]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick