MotoGp, Jerez 2020: la pagella del Dicos

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
motogp

FABIO QUARTARARO 10: El Diablo, dopo ventuno anni, fa suonare di nuovo la marsigliese nella massima serie. Un successo che arriva dopo aver centrato la pole position ed un piccolo errore nelle fasi iniziali della gara. Una volta prese le misure, inizia a tamburellare e una volta agguantata la leadership, non la molla più. E’ il successo del nuovo che avanza e di una Yamaha che vola nelle mani di una squadra non ufficiale. Indemoniato!

MAVERICK VINALES 8: Iniziare con la piazza d’onore il campionato è un buon risultato ma…beccare oltre 4 secondi da un quasi neofita sulla stessa moto non ufficiale è difficile, molto difficile, da digerire. Allo spagnolo sembra mancare sempre un qualcosa per fare il definitivo salto di qualità. Ad un certo punto è stato preda anche di Marquez in piena rimonta; ho detto tutto. Bene ma non benissimo!

 

ANDREA DESMODOVI 7,5: La concretezza e l’affidabilità sono qualità che nell’italiano abbondano. Qualità, però, che da sole non sono sufficienti per vincere i mondiali. Certo siamo agli inizi ma se il buon giorno si vede dal mattino…Il solito!

 

JACK MILLER 8: L’australiano guida forte e per molte tornate è in piena zona podio. Da metà gara perde, seppur lentamente, smalto e fa sua la medaglia di legno a scapito del Morbido. Jackass non mi è dispiaciuto ed è, a mio avviso, un cavallo vincente. Come on!

 

FRANCO MORBIDELLI 7: Se guardiamo solo alla sua prova, escludendo quella del teammate, il romano è autore di una prestazione più che dignitosa. Se, però, teniamo conto del compagno di squadra, beh dal Morbido è lecito aspettarsi qualcosa di più. Il talento non gli difetta, anzi…Forza!

 

POL ESPARGARO’ 6,5: Davvero bello vedere lui e la Ktm a ridosso delle posizioni che contano. Bravo!

 

MARC MARQUEZ 10: Come il massimo dei voti dopo due errori, di cui uno grave che gli è costato un brutto infortunio e, quasi certamente, il mondiale? Faccio mio il pensiero di Enrico Folegnani e dico che è vero che da un 8 volte campione del mondo ti aspetti più attenzione, specie a gomme provate e nella stessa curva dove ha rischiato già di cadere. Un pilota maturo avrebbe fatto questo. Se fosse, però, stato un pilota maturo, avrebbe fatto quella rimonta pazzesca? Non credo…Se fosse stato maturo avrebbe portato a casa un buon risultato. Ma un pilota maturo avrebbe vinto il mondiale MotoGp all’esordio e, soprattutto, segnato un’epoca e vincere 8 titoli a scapito di piloti quali Valentino Rossi, Dani Pedrosa, Jorge Lorenzo e Maverick Vinales? Marquez mi piace così, sempre affamato e voglioso di primeggiare. Lo spagnolo ha solo 27 anni: ha tempo per maturare. Nel frattempo gli auguro di guarire il prima possibile. Vamos!

 

YAMAHA: Diabolica.

 

DUCATI: Buone ma non buonissime.

 

KTM: In crescita.

 

HONDA: Imbarazzanti senza Marquez.

 

APRILIA: Imbarazzanti.

 

SUZUKI: Chi le ha viste?

 

COMMENTI IDIOTI: C’è una fauna che si nasconde, di solito, nelle fogne che, dopo essere stata in preda a mal di stomaco e fegato a causa dei successi di Marquez, si è resa autrice di commenti vergognosi. L’ironia e il gaudio dei soliti “poracci” sui social sono la testimonianza che la mamma dei fessi è sempre incinta. Qualcuno ha addirittura parlato di “karma che ritorna dopo il biscotto del 2015”. Davvero siete messi così male?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick