A Brno Marc Marquez si è confermato non solo come leader indiscusso di questa stagione ma anche come l’uomo dei record.

Il decimo atto della stagione, infatti, ha visto il Cabroncito dominare in lungo e in largo e raggiungere il doppio traguardo delle 58 pole position e dei 50 successi. Numeri che, se si considera che il ragazzo di Cervera ha solo 26 anni, fanno impressione.

Dati che enfatizzano ancor di più il talento straordinario dello spagnolo.

Qualcuno, però, ha storto il naso. Per intenderci i soliti lagnoni e le solite vedove di un bluff spacciato per fenomeno che, carichi di livore, senza argomenti in pista ancora parlano di simpatia/antipatia e di biscotti. Pur non condividendone la lagna e il rancore, per una volta non li condanno completamente perchè hanno assistito anche alla vittoria nella Moto3 di Aron Canet, pilota del Max Racing Team; davvero troppo per i loro fegati fluorescenti.

Una curiosità: premesso che Marquez è un ragazzo simpaticissimo ma un pilota si apprezza per quello che fa in pista o perché deve fare l’intrattenitore a Zelig?

Ritorniamo ai fatti di gara; per la Ducati 2 gradini del podio che, a mio avviso, sono più amari che dolci.

Se Jack Miller dimostra di essere cresciuto tanto dal punto di vista mentale, il Desmodovi, ancora una volta, dimostra di soffrire non poco la pressione.

Si vocifera che in Ducati hanno voglia di sostituirlo per riprendere Jorge Lorenzo. Mettiamo da parte il fantamercato e cerchiamo di essere realisti: la Ducati in casa ha già un potenziale campione ed è proprio l’australiano. I ritorni, sia in amore sia nello sport, sanno quasi sempre di brodino riscaldato; inoltre per realizzare di nuovo le giuste dimensioni del serbatoio ci vuole tempo, magari anche una stagione e mezzo…

Mi aspettavo, confesso, qualcosa di più dalla Suzuki e da Alex Rins; certo il quarto posto non è poca roba, ma il podio avrebbe rafforzato quel processo di crescita che vede, di fatto, protagonista il team.

Valentino Rossi ha chiuso in sesta posizione ed è stato il primo dei piloti Yamaha.

Non male per un quarantenne che a detta di qualcuno, dovrebbe ritirarsi l’anno prossimo. Come va detto che non può essere lui la punta di diamante per puntare alla vittoria finale (l’età e il polso parlano chiaro…) va anche sottolineato che la Yamaha qualche problemuccio lo ha; chiedere a Maverick Vinales.

Una curiosità: che senso sportivo ha per l’Aprilia piazzarsi costantemente nelle retrovie?

 

 

Fonte foto: pafina facebook MotoGp, pagina Facebook Marc Marquez.