Ramon Savioli si racconta

 Ramon Savioli si racconta


Ramon Savioli è uno dei piloti italiani di Motocross tra i più talentuosi e competitivi.

Durante questa pausa estiva abbiamo avuto modo di scambiare con lui quattro chiacchiere e lo scambio di battute ha portato a queste conclusioni:

La passione per il Motocross mi è stata trasmessa da mio padre. Nel 2001 ho avuto la prima motina con la quale mi divertivo a girare dietro casa. Un giorno, poi, sono andato in una pista vicino il paese dove vivevo ed il proprietario mi invitò a partecipare ad una gara, quella del Trofeo Lem. Non mi feci pregare e feci quarto e primo”.

Una carriera, nonostante la giovane età, già ricca di successi:

E stata una crescita continua. Nel 2006 ho vinto il primo campionato italiano Debuttanti, mentre nel 2008 ho vinto il campionato italiano Cadetti. La stagione 2019 è partita in salita perché a fine luglio dello scorso anno mi sono fratturato il femore. Questo mi ha fatto tribolare durante la preparazione invernale. Con Maurizio e Simone della 747 Motorsport abbiamo, così, lavorato molto sulla sabbia per recuperare la condizione fisica. Va detto, poi, che da quest’anno uso l’Husqvarna 450 del team Mototecnica con la quale mi sono trovato subito a mio agio; è una gran bella moto! I risultati sono stato un progredire nel Campionato Italiano Prestige nel quale sono stato primo di categoria nella prove sia di San Savignano sul Panaro sia di Malpensa. In più sono quinto nel campionato Elite. Nella 125 Senior del Campionato Italiano, inoltre, sono secondo”.

Il prossimo appuntamento è speciale, perché per Savioli ci sarà il debutto mondiale:

Ad Imola, il 17 e 18 agosto, prenderò parte alle prove della MXGP. L’obiettivo è fare bene ed è per questo che lavoro duramente in questi giorni”.

La stagione volge al termine, con questi obiettivi:

Mi piacerebbe lottare fino alla vittoria finale nelle categorie Prestige e 125 Senior del Campionato Italiano Prestige”.

Savioli e Diego Russo, una collaborazione che va oltre lo sport:

Con Diego ho un bel rapporto. L’ho conosciuto su una pista in Campania. All’Eicma 2018, poi, abbiamo deciso di collaborare e spero di continuare con lui ed il suo team anche per il prossimo anno perché la stima in lui è davvero molta”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *