Sul circuito di Montmelò si è disputato il settimo round del campionato dove i due piloti ufficiali della Honda, nel bene e nel male, sono stati i protagonisti assoluti.

Da un lato c’è il successo di Marc Marquez che raggiunge, così, quota 140 in classifica ed allunga ulteriormente su Andrea Dovizioso, costretto a fermarsi a 103 punti.

Dall’altro lato c’è la carambola innescata da Jorge Lorenzo che in un tentativo di sorpasso a Maverick Vinales perde l’avantreno della moto, la quale finisce per centrare Dovizoso, Vinales e Valentino Rossi. Uno strike che per quanto possa aver messo fuori 4 dei 5 possibili vincitori, rimane sempre frutto di una errata manovra di gara. Il giudizio migliore lo ha dato Enrico Folegnani; vi invito a leggere cosa ha scritto sulla sua bacheca Facebook.

Sia chiaro: Lorenzo ha commesso una cappellata ed i soli 19 punti raccolti ad oggi, specie se confrontati con quelli del teammate, a mio parere testimoniano che è in piena confusione e crisi tecnica. In un post su Facebook, con un pizzico di esagerazione, ho detto che è bollito. Ripeto forse ho esagerato, ma è innegabile che ad oggi Lorenzo non solo ha deluso le attese ma non è neanche un lontano parente di quel pilota che martellava giri perfetti e che ha vinto 5 titoli. Spero che il maiorchino mi faccia cambiare idea perché così facendo il mondiale avrà maggior interesse e spettacolo.

Giusto, quindi, dire della cappellata del 99 meno, invece, ricamarci delle “crisi di stato” e crocifiggerlo da parte di chi non perde occasione per vendicarsi di chi ha sconfitto il proprio datore di luce.

I soliti personaggi che vivono di luce riflessa anche questa volta hanno sollevato un polverone con addirittura uno che ha riferito ai piloti coinvolti parole mai dette da Lorenzo…Uno schifo che, meno male, è stato schifato e mandato al mittente dal loro stesso datore di luce.

Costoro non si vergognano mentre tali schifezze vengono spacciate per verità? Cosa dice l’urlatore puritano che condanna chi è iscritto alla pagina Facebook “Odio Valentino Rossi” (odio virtuale) di questi fomentatori d’odio reale? E’ vero che certe persone si squalificano da sole ma è pur vero che ci sono milioni di spettatori che non meritano di essere trattati come boccaloni.

Ritorniamo ai fatti di gara: al secondo posto conclude la rivelazione dell’anno, il francese Fabio Quartararo. El Diablo, nonostante guidasse una moto non ufficiale, dimostra che la Yamaha non è quella ciofeca che i dispensatori di affermazioni mai dette vogliono far credere. Neanche il più asservito servilismo spingerebbe, a mio parere, ad essere così appecorati pur di coprire il proprio datore di luce; ma questa è un’altra storia.

Terzo sul podio è l’italiano desmodromico Danilo Petrucci che continua, così, la striscia positiva di risultati.

Per quanto ricca di colpi di scena è stata solo una gara di moto; peccato che alcuni hanno tentato di trasformarla in una fabbrica di chiacchiere isteriche condite in salsa agroodiosa.