La data da cerchiare in rosso sul calendario: Venerdì 5 luglio alle ore 16. È di nuovo tempo di “Ragazze nel Pallone”, l’evento sportivo tutto al femminile più grande d’Italia che ha fatto della lotta ad ogni forma di discriminazione la sua bandiera e il suo vessillo nel corso degli anni.

Giunto alla sua undicesima edizione, “Ragazze nel pallone”, in programma al Parco Filippo Raciti “Le Brentelle” a Padova, ha abbracciato nel corso degli anni un numero sempre crescente di sport ottenendo un successo e un’attenzione mediatica sempre maggiori.

Ragazze Nel Pallone è un’iniziativa nata nel 2008 con l’obiettivo di promuovere e favorire la diffusione, la conoscenza e la pratica delle attività̀ sportive femminili, soprattutto calcio, rugby, basket e volley. L’organizzazione è formata quasi esclusivamente da donne e conta, nei periodi clou, su una forza lavoro di una quarantina di volontarie: “Quello in cui crediamo fermamente – sottolinea la responsabile dell’evento Elisabetta Turrini –  è che lo sport, nello specifico quello femminile, possa essere vissuto anche come un valido strumento di aggregazione e di socializzazione e come strumento efficace per la sensibilizzazione nei confronti di tematiche importanti come la disparità di trattamento e la condizione svantaggiata delle donne, nonché́ come un mezzo per finanziare e sostenere cause benefiche come abbiamo fatto in questi anni”.

Per il 2019 in carnet un ricco menù fra beach volley, rugby, basket 3 vs 3, calcio a 6 con la novità̀ assoluta del calcio free style e dell’ultimate frisbee. Si comincia venerdì̀ 5 luglio alle 16 con Arianna Pomposelli, atleta di punta della Nazionale italiana di calcio a 5 e dell’Olimpus Roma, che porterà̀ sulla scena il suo progetto #BeBrave in collaborazione con il Padova calcio a 5 femminile. ‘Be brave’ si rivolge ai genitori di bambine di giovanissima età che manifestino interesse a praticare il calcio a 5. Arianna ha costruito questo evento pensando alla sua nipotina Noa di 4 anni nel tentativo di aiutarla a superare gli stereotipi che viaggiano in direzione contraria e che scoraggiano le piccole atlete ad intraprendere questa strada. Sabato 6 luglio, dalle 8.30 in poi, si entra nel vivo dell’evento. Iniziano sia il torneo di calcio a 6, il touch rugby e il basket.

Via anche alle competizione di rugby a 7 con le regole del “Touch rugby” e al Rugby Old Femminile, appuntamento sportivo dedicato alle donne over 35 che andrà in scena nella giornata di domenica. Riflettori accesi anche sul basket 3 contro 3, inserito nel circuito ufficiale 3×3 FISB Streetball fino alle finali di Riccione e sul beach volley. Alle 17 la novità più attesa, con il Calcio Freestyle, l’arte del palleggio acrobatico, eseguita con un pallone da calcio. La disciplina consiste nell’eseguire acrobazie con tutto il
corpo eccetto che con le mani. Tutte le partecipanti si sfideranno tramite un testa a testa di quattro minuti. Il montepremi complessivo in palio sarà di 500 euro.

Gran finale domenica 7 luglio. Dalle 9 apertura delle danze con calcio, basket, beach volley e rugby old femminile over 35 e l’attesissima novità dell’Ultimate Frisbee. Nasce alla fine degli anni sessanta e viene praticato in sei continenti. L’Ultimate è uno sport speciale che seduce rapidamente per la sua immediatezza e la sua spettacolarità di gioco e quello che lo rende veramente speciale è l’assenza di un arbitro di gara.

www.ragazzenelpallone.it