Bernardeschi: “Sogno di diventare un simbolo dell’Italia”

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

“Cosa porterei della Juventus in Nazionale? La consapevolezza della forza, perché siamo forti e dobbiamo crederci”. Parola di Federico Bernardeschi, straordinario protagonista insieme a Cristiano Ronaldo della splendida rimonta dei bianconeri ai danni dell’Atletico Madrid nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League. Una serata che ha consacrato il talento dell’ex viola, giovane ma non più giovanissimo (è un classe ’94), che anche in Nazionale ha dimostrato una maturazione costante e che vuole essere subito protagonista anche nelle qualificazioni a EURO 2020: “Qualcosa abbiamo già fatto intravedere nelle ultime quattro partite – dichiara in conferenza stampa – abbiamo mostrato un bellissimo gioco, divertendoci e facendo divertire anche chi ci guardava. Ci manca ancora un po’ di esperienza dovuta alla giovane età, ma questa è la strada giusta per andare ad affrontare un Europeo nel migliore dei modi”.

Disposto a giocare sia da mezzala che da esterno d’attacco, Bernardeschi esalta le qualità di una Nazionale che ha ancora ampi margini di crescita e che lo vede ormai tra i giocatori più esperti del gruppo, visto che solo 8 degli Azzurri convocati da Mancini vantano più presenze di lui: “Credo che qui ci siano tantissimi talenti, che vanno aspettati e fatti crescere. Quando un ragazzo è giovane gli si deve anche dare il tempo di poter sbagliare. Spero e sogno di diventare uno dei simboli di questa Nazionale come sono stati in passato i Rossi e i Baggio. In questa Italia ci sono tanti leader, penso a Chiellini, Bonucci, Sirigu. Io credo di essere fra questi”.

La sua eredità a Firenze è stata raccolta da un altro Federico, Chiesa (“è un giocatore fortissimo, sta facendo un bel percorso e gli auguro di fare in futuro ciò che vuole”), mentre a Torino ha trovato il miglior modello possibile a cui ispirarsi: “Ronaldo è un fuoriclasse assoluto, l’ha dimostrato in ogni Paese in cui ha giocato. Starci a contatto quotidianamente permette di imparare tante cose”. Se l’Italia deve migliorare sotto porta (“per quanto creiamo segniamo poco, dobbiamo fare molti più gol e con il mister ci stiamo lavorando molto”), l’esplosione definitiva dell’attaccante bianconero più che dai piedi passa dalla testa: “La mentalità e l’abnegazione al lavoro sono fondamentali. Ci ho sempre puntato e ci punterò sempre più forte. Vivo questo momento come un punto di partenza”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick