Se la Nazionale assoluta di fioretto femminile è stata ribattezzata “Dream Team” per gli innumerevoli e prestigiosi successi costruiti nel corso gli anniv, anche le azzurre dell’Under 20 non vogliono essere da meno e dimostrano di crescere in maniera molto promettente. Nella tappa di Coppa del Mondo andata in scena nello scorso fine settimana a Modling (in Austria), due ragazze di nome Serena in forza al Frascati Scherma hanno dato il loro contributo alla vittoria della prova a squadre: si tratta di Serena Rossini e Serena Puglia che, assieme alle compagne Martina Favaretto e Marta Ricci hanno sbaragliato la concorrenza piegando nell’ordine il Giappone, la Polonia e infine la Russia, domata nel finale col punteggio di 45-37.

Tra l’altro per la Puglia la festa è stata doppia considerato che era alla prima presenza in azzurro e che ha ricevuto la notizia della convocazione ai prossimi europei (che si terranno a Foggia dal 22 febbraio al 3 marzo) assieme alla sua compagna di società Rossini. Quest’ultima, tra l’altro, ha ottenuto un ottavo posto di tutto rispetto anche nella prova individuale.
A Sharja (Emirati Arabi) si è disputata un’altra prova di Coppa del Mondo, quella paralimpica dove era presente Gianmarco Paolucci che però non è riuscito a centrare piazzamenti di rilievo.

Rientrando in Italia sono arrivate ottime notizie anche dalla quarta prova Master che si è tenuta a Roma: il risultato migliore lo ha ottenuto Gianluca Zanzot (tra l’altro maestro di spada) che nella prova di sciabola della categoria 2 è riuscito a salire sul podio conquistando un terzo posto di spessore. Nella medesima arma (ma nella categoria 0) Federica Di Matteo ha ottenuto un soddisfacente sesto posto così come Greta Tamosiunaite nel fioretto (categoria 0). La stessa atleta ha poi concluso al 24esimo posto la prova di spada dove Elisa Cuscini ha terminato 27esima. Da segnalare infine nel fioretto (categoria 2) il 22esimo posto di Gino Lucrezi che si è invece fermato al 43esimo nella spada. Sempre in quest’arma (e sempre nella categoria 2) Marco Nobiloni ha concluso al 33esimo posto.