Il turno di qualifica sul circuito giapponese di Motegi consegna entrambe le Aprilia alla settima fila nello schieramento di partenza del GP di domani.

Aleix Espargaró, pur dimostrando di avere alla sua portata posizioni nettamente migliori, si è fermato al 19esimo crono in 1’46.183. Montata la gomma per il giro veloce sul finire della prima sessione valida per la definizione dello schieramento, Aleix ha lottato fino alle ultime curve per una delle prime due posizioni, piazzamento che gli avrebbe aperto le porte del turno successivo. Ha recuperato nel secondo e terzo settore portandosi a soli 22 millesimi dalla prima posizione ma un errore nelle ultime curve gli ha fatto perdere quanto recuperato in precedenza.

Scott Redding è incappato in una caduta, senza conseguenze per il pilota, proprio durante quello che sarebbe stato il suo miglior giro, lì è finita la sua qualifica e il tempo precedentemente conquistato di 1’46.571 gli è valso la 21esima casella di partenza, sempre nella settima fila.

ALEIX ESPARGARO’

“In qualifica ero al limite perché volevo entrare in Q2, il tempo che stavo facendo era molto buono ma un errore nella parte finale del giro mi ha fatto perdere decimi fondamentali. Purtroppo le qualifiche sono così, basta il minimo sbaglio a farti perdere posizioni. Oggi è stata una giornata difficile, abbiamo problemi di grip al posteriore che ci impediscono di fermare la moto e di accelerare velocemente. Darò il massimo in gara, al momento il nostro passo non è eccezionale ma dovremmo essere in grado di lottare nella zona punti”.

SCOTT REDDING

“Durante le prove mi sono trovato bene, abbiamo ancora un paio di problemi che siamo riusciti a mitigare in parte. Rimane il chattering, che è stato anche la causa della caduta in qualifica. Ne soffriamo in un paio di curve ma ci fa perdere molto tempo e, soprattutto, ci espone al rischio di errori. Non sono ancora sicuro sulla scelta delle gomme, ho usato la morbida anteriore ma ho qualche dubbio. Valuteremo nel debriefing tecnico e vedremo quali saranno le condizioni della gara”.