Esordio amaro in Serie A1 pallanuoto per l’F&D H2O Domus Pinsa Velletri. Le ragazze di mister Danilo Di
Zazzo, alla prima di campionato, tornano a mani vuote dalla difficile vasca di Bogliasco, contro una
squadra forte e che ha chiuso la partita dopo tre tempi disputando ad alto ritmo l’intero incontro.

Veliterne tradite dall’emozione dell’impatto con la massima categoria nazionale e che non sono riuscite a frenare la fase offensiva di una delle squadre candidate ad essere outsider in questo campionato, come da pronostico, e che non ha tradito le aspettative pre-gara. Primo tempo che si conclude sul 4-1, con il gol di Michela Bagaglini che arriva dopo le quattro marcature locali di Zerbone, Santirelli, Bettini e Cuzzupè. 3-1 per Bogliasco anche nel secondo parziale, con l’F&D H2O che va a segno Clementi.

Il terzo tempo vede chiudersi il match, anche se la reazione della compagine di Velletri e la doppietta di Clementi (tre reti in totale nella partita) valgono un 2-3 più combattuto rispetto all’andamento generale della partita. Il 14-4 finale non ammette repliche, ma l’impatto con la categoria poteva lasciar prevedere difficoltà di questo tipo, visto che al gruppo manca ancora un po’ di compattezza e quel giusto cinismo utile a credere nei propri mezzi. Prossimo appuntamento, tra due settimane, contro il Padova campione in carica: non sarà affatto semplice per le ragazze di Di Zazzo, che tuttavia hanno il dovere di cercare l’impresa e di continuare il loro processo di crescita a caccia dell’obiettivo salvezza.

Le dichiarazioni di Mister Di Zazzo

Mister Danilo Di Zazzo ha analizzato il match, soffermandosi sulla prestazione del team di Velletri. L’F&D H2O Domus Pinsa, pur avendo creato diverse opportunità, ha peccato di cinismo e soprattutto di inesperienza, elementi risultati fatali di fronte ad una squadra abituata al palcoscenico della massima serie come il Bogliasco. Il commento dell’allenatore veliterno è lucido in tal senso, e chiama tutti al pronto riscatto: “Sono dispiaciuto, è innegabile, avrei voluto un esordio migliore. Allo stesso tempo capisco che era l’esordio, per chi lo vive significa un’altra pallanuoto. Ho visto ragazze che di solito fanno determinate cose non riuscire a fare quasi nulla. Avere una squadra giovane significa questo”.

La ricetta per ottenere i risultati e i punti in acqua passa dal carattere: “Bisogna avere pazienza, giocare, solo così si impara. Contro il Bogliasco abbiamo fatto una prestazione non buona, eppure ottenuto dodici uomini in più segnandone soltanto uno. Come ha detto il loro allenatore, se le liguri hanno sbagliato l’impossibile, noi abbiamo sbagliato il doppio”.

Quello che sta mancando all’F&D H2O Domus Pinsa è proprio la lucidità sotto porta e, più in generale, in vasca: “Abbiamo dei problemi di concretezza, ho le mie colpe se ancora non si vede. Chiedo alle ragazze di essere unite, altrimenti non si va lontano. Io darò tutto me stesso per aiutarle”. Una certezza, comunque, è la qualità di un gruppo che deve semplicemente amalgamarsi, come aveva anticipato il presidente Perillo.

Sulla carta la prossima gara sembra già scritta, contro il Padova campione d’Italia, ma l’F&D H2O darà battaglia e non ci sta a fare la vittima sacrificale: “Contro il Padova dobbiamo imparare soprattutto cosa sia la mentalità vincente, vedere come si danno, imparare a prenderle e poi ridarle”. Un messaggio chiaro dopo un esordio che, con le attenuanti dell’emozione e della pressione, è già agli archivi pur avendo il giusto peso: per la squadra di Velletri prosegue il cammino e la prospettiva può e deve essere migliore.

BOGLIASCO – F&D H2O VELLETRI 14-4 (4-1, 3-1, 4-0, 3-2)

F&D H2O

Minopoli, De Cuia, Pustynnikova, De Marchis, Zenobi, Rosini, Amedeo, De Vincentiis, Colletta, Clementi (3), Centanni, Bagaglini (1), Meccariello.

BOGLIASCO

Malara, Cocchiere (1), Zerbone (1), Cuzzupè (1), Santirelli (1), Millo (2), Maggi (1), Rogondino (1), Bettini (1), Rambaldi (2), Maucer (2), Dance (1), Falcetti.

Arbitro: Ercoli /Cataldi