Calcio, I° categoria, Rocca Priora, una manna per Lunardini: «Tre punti col Paliano insperati e pesanti»





La Prima categoria del Rocca Priora Calcio ha ricevuto un bel “regalo” durante questa sosta per
il maltempo. Il comitato regionale, infatti, ha trovato un’irregolarità nel tesseramento di un
giocatore della Nuova Paliano che sul campo aveva sconfitto i castellani per 3-0: il risultato è
stato invertito d’ufficio e così il gruppo di mister Paolo Lunardini (che ancora deve recuperare
la “tormentata” sfida col Bellegra) è tornato al quinto posto in classifica, con vista sui play off.

Le dichiarazioni di Paolo Lunardini

«Siamo stati sorpresi anche noi, non avevamo fatto ricorso e questo ci ho tenuto a specificarlo anche ai dirigenti della Nuova Paliano – dice Lunardini – È chiaro che sono tre punti molto importanti per la nostra classifica perché ci allontanano da una zona play out che quest’anno è stata allargata a quattro squadre e ci riproiettano nelle posizioni di vertice». Ora anche il tecnico parla apertamente di un nuovo obiettivo.

«Le cose stanno andando oltre le aspettative di tutti – spiega Lunardini – Ma a questo punto dobbiamo provare a raggiungere la qualificazione in Coppa Lazio: in questo senso assume un’importanza notevole la partita da recuperare col Bellegra». Per il Rocca Priora è stata preziosa anche la sosta causa maltempo. «A Paliano avevamo perso in quella maniera anche perché siamo andati lì con sette Juniores e tanti assenti. Molti di loro li potremo recuperare in vista del ritorno in campionato e in questo senso pure la pausa ci ha fatto bene». Il cammino del Rocca Priora riprenderà dalla sfida interna alla Borghesiana, fanalino di coda del girone G: una gara sulla carta “propizia”, ma Lunardini non si fida.

«Nell’ultimo turno hanno battuto il Piglio, segno che sono una squadra viva. In questo girone nessuno molla nulla e quindi dobbiamo entrare in campo con la massima concentrazione se vogliamo portare a casa l’intera posta in palio. Sarà una partita tosta e ho già avvertito i ragazzi di non commettere errori di sottovalutazione dell’avversario».






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*