Le prodezze del "magico" Mertens stendono la Roma

 Le prodezze del "magico" Mertens stendono la Roma


Il Napoli  va a riprenderesi  all’Olimpico i tre punti persi, nel girone di andata,  con la Roma al S.Paolo ed accorcia a -2 il distacco dai capitolini per la corsa al secondo posto in classifica. Come nelle previsioni è stata una partita vibrante, ricca di emozioni fino all’ultimo secondo e del resto non poteva essere altrimenti  visto che a confrontarsi erano le squadre di vertice del campionato (Juve a parte) e , soprattutto, quelle che, fin qui, hanno espresso il gioco più spettacolare. Il Napoli esce vincitore perché, messe alle spalle le scorie di Coppa Italia, è riuscito, sin dall’inizio, ad imporre il proprio gioco impedendo alla Roma, con un pressing alto ed asfissiante,  di esprimersi secondo le proprie caratteristiche; conseguenza  è stata che  il Napoli si è impossessato   del rettangolo verde  per quasi tutta la gara ,  in virtù del solito gioco manovrato, marchio di fabbrica di Sarri, interpretato magistralmente, stavolta,  dall’inedito trio di centrocampo Rog-Jorginho-Hamsik . La Roma e Spalletti non hanno saputo trovare le giuste contromisure alle veloci ripartenze che hanno trovato in Hamsik ed Insigne fantastici ispiratori e  nel  folletto belga, Mertens, un devastante terminale offensivo. A farne le spese un impacciato Fazio, rimasto in campo solo 50’ e costretto a subire le iniziative del “falso nueve” napoletano, probabilmente troppo veloce per un difensore della struttura (1.95 x 90 kg) del difensore argentino. L’assalto finale , condito dal goal di Strootman  all’89’ e dai  due legni colpiti da Salah e Perotti (con annessa parata miracolo di Reina) , non fa altro che rendere ancor  più amara la sconfitta dei giallorossi , colpevoli di essere entrati in partita troppo tardi e quando il Napoli ha rinunciato a giocare per difendere il doppio vantaggio . Le occasioni avute ed il gioco espresso negli ultimi 10’  di gioco sono troppo poca cosa per poter recriminare qualcosa ; il Napoli ha meritato la vittoria in virtù di un gioco  veloce ed efficace imposto alla Roma  per quasi la totalità della partita e gli affanni patiti nel  finale di partita non macchiano una gara interpretata al meglio. Si riapre, così, la lotta per il secondo posto in classifica  mentre  la Juventus , forse la vera beneficiaria di questa sconfitta della Roma, comanda, in piena solitudine, un campionato sempre più noioso.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

DarioGiuffrida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *