MotoGp, Malesia 2016: la pagella del Dicos

 MotoGp, Malesia 2016: la pagella del Dicos


ANDREA DESMODOVI 110 e Lode con 92 minuti di applausi: Pole position, vittoria, gioia e godimento sono le parole da usare per raccontare il fine settimana del Dovi. Ragazzo umile, uomo squadra, per nulla personaggio (leggi clown) ma molto pilota, in Malesia centra il secondo successo nella top class. Risultato che gratifica, finalmente, gli sforzi di un uomo che ha sempre creduto nel progetto desmodromico. Invece di gettare fango, come qualcuno ha fatto (“Io sono io, ecco” nel frattempo l’offerta mondiale di alluminio calava drasticamente….), con passione e professionalità, mattoncino dopo mattoncino, ha aiutato a realizzare una moto competitiva, veloce e da titolo. Sì, perché oggi la Desmosedici è una due ruote che, a mio parere, può lottare a carena alta con le avversarie, anzi….L’Italia che vince!

 

VALENTINO ROSSI 8,5: E’ il grande sconfitto della trasferta malese. Sul bagnato, dicono, sia uno squalo, ma al traguardo il distacco dal vincitore è stato da tonno in scatola. Eppure Vale è stato in testa e ci ha deliziato con i sorpassi del duello con Iannone. A 5 tornate dalla vetta, però, gli artigli desmodromici alati del Dovi lo azzannano e lo costringono alla piazza d’onore. Conquista, così, i punti per il terzo titolo di vice campione (nei palmares non esiste, ma nelle veline di chi vive della sua luce riflessa è un onorificenza che vale più del titolo mondiale vero e proprio). A 37 anni essere lì a giocarsela e vincere ogni tanto è davvero tanta roba. Bravo!

 

JORGE LORENZO 7: L’ultimo gradino del podio per l’ex campione del mondo è più frutto di una grazia ricevuta che della propria condotta di gara. Lui stesso è onesto nel dirlo a motori spenti. Ancora una gara e finirà una stagione dove, a mio avviso, l’inchiostro di una firma è diventato criptonite per il super rider di inizio anno. Bravino!

 

MARC MARQUEZ 4: Inizia la gara in sordina, poi riesce a riportarsi a ridosso del quartetto di testa. Quando, però, i tempi si abbassano di nuovo, ad otto giri dalla bandiera a scacchi, commette il secondo errore stagionale e scivola. Si rialza e conclude undicesimo. Ci può stare che una volta conquistato il bottino grosso, si lasciano per strada quelli piccoli. Sbagliare, però, più volte in 7 giorni è un tantino troppo. E’ troppo specie per coloro che dicono “Se al Mugello non si rompeva il motore” o “Se avesse sbagliato prima”…..Dai Marc, non si scherza così, non illuderli più!

 

DUCATI: Goduria italiana!

 

YAMAHA: Tormento per un italiano….

 

SUZUKI: C’è un pizzico di italianità….

 

APRILIA: Davanti alla Honda…

 

HONDA: Gambero arancione…..

 

GARA: Bella.

Загрузка...


Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *