Formula 1: GP di Germania, i tre punti cruciali del circuito del Nurburgring

 Formula 1: GP di Germania, i tre punti cruciali del circuito del Nurburgring


Circuito del Nurburgring
Circuito del Nurburgring

Il circuito del Nurburgring che ospiterà il prossimo gran premio di Germania di Formula 1 è lungo 5.148 metri, con una velocità media di 193 km/h ed un massima di circa 300 km/h. Fondamentalmente un tracciato impegnativo in cui è possibile trovare dei tratti molto lenti come la prima parte ma anche quelli molto veloci come la parte centrale. Ma dove si fa il tempo durante la qualifica? Tre i punti essenziali:

Curva Castrol-S
Dopo il lungo tratto che separa la linea di partenza/arrivo e la prima curva, la Castrol-S, i piloti frenano energicamente e scalano in seconda per affrontare la curva a gomito. In questo punto del tracciato il motore viaggia a regimi molto bassi: solo 9.500 giri/min, i più bassi del circuito, prima di puntare dritto alla Mercedes-Arena, una sequenza da seconda-terza marcia percorsa a una velocità media di circa 100 km/h. In questa porzione del tracciato, il motore deve garantire un buon controllo in frenata all’entrata in curva e una buona trazione in uscita.

Curve 8 e 9
Dopo il tornantino della curva 7, percorso in seconda a soli 10.500 giri/min, il pilota accelera bruscamente verso la curva 8. Con un breve rettilineo prima della curva, il pilota non ha il tempo di raggiungere la massima velocità, ma spingerà al massimo sul pedale dell’acceleratore poco prima di affrontare la curva in sesta a 250 km/h. Le sollecitazioni a cui vengono sottoposte le vetture rimangono elevate anche a velocità relativamente basse; il pilota in questo punto del tracciato raggiunge un’accelerazione laterale di 3.5 G. Di conseguenza, anche i componenti e i liquidi all’interno del motore devono contrastare l’aumento di accelerazione laterale.

Curve 13 e 14 (chicane NGK)
In termini di tempo, il settore tre è la sezione più breve del tracciato: 24 secondi sono in genere sufficienti per percorrerlo. In effetti, solo la chicane e la rapida curva a destra che immette sul rettilineo dei box interrompono la fase costante di accelerazione. La chicane è la curva più lenta del settore tre e uno dei rallentamenti più insidiosi del circuito. I piloti si avvicinano a una velocità di oltre 300 km/h con il DRS attivato e scalano in seconda a soli 90 km/h per affrontare la curva. Danno un solo colpo di gas tra i cordoli per poi accelerare di nuovo fino alla curva finale. La strumentazione rileva questo rallentamento molto chiaramente, registrando un brusco calo da 18.000 a poco più di 10.000 giri/min.

Redazione

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

Ruggero Terlizzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *