MotoGp, Sachsenring 2021: la pagella del Dicos

 MotoGp, Sachsenring 2021: la pagella del Dicos


MARC MARQUEZ 11: Il fenomeno ritorna, dopo 581 giorni dall’ultimo trionfo ottenuto a Valencia nel 2019, ad essere il primo della classe. Vince nel suo regno e sigla l’undicesimo successo di seguito. Da quando è ritornato in pista dopo il brutto incidente del 19 luglio 2020, lo spagnolo è stato preso di mira dai soliti tifosetti che, abituati ad urlare dopo la caduta di un avversario del loro idolo, addirittura hanno parlato di karma…Che dire, poi, di quella stampa (per fortuna sono solo una triste e isterica minoranza) che lo ha trattato, dopo le varie cadute, come un pivello qualunque che non sale sul gradino più alto dal podio da anni. La gara e il primo posto di Marquez sono non solo le giuste risposte contro queste malelingue ma anche un inno al motociclismo. La sua caparbietà, i suoi sacrifici e il suo talento hanno trasformato le lacrime amare del dolore fisico in dolci solchi che segnano un viso di un ragazzo che è ritornato a fare ciò che ama nel modo migliore. Grazie Marc, anche questa volta ci hai regalato una bella pagina di sport.

Leggenda!

 

MIGUEL OLIVEIRA 9,5: Il portoghese, ringalluzzito dal successo spagnolo, è l’unico in grado di impensierire il vincitore. Guardare come fa danzare la sua Ktm è bello. Per qualche tornata, addirittura, sfiora il secondo di svantaggio dal battistrada. Nelle battute finali, però, cede il passo e fa sua, così, la piazza d’onore.

Bravo!

 

FABIO QUARTARARO 8,5: La trasferta tedesca regala al francese non solo l’ultimo gradino del podio ma anche punti preziosi in ottica campionato. I titoli si vincono anche così.

Bien!

 

BRAD BINDER 8+: Male in qualifica, bene in gara. Una medaglia di legno che fa morale e dimostra la giusta direzione intrapresa dalla casa austriaca.

Dottor Jekyll e Mister Hyde!

 

PECCO BAGNAIA 7: Fatica non poco in qualifica e parte dalla decima casella. Spente le luci del semaforo, però, l’italiano, ha un altro passo e con una buona rimonta, entra nella top five. Supera, addirittura, il teammate australiano. Una prestazione, però, che dimostra che per guardare al mondiale il cambio di passo ancora non è stato fatto.

Forza!

 

JACK MILLER 5,5: Da lui, sinceramente, mi aspettavo una prestazione più gagliarda. Doveva fare la differenza ma anche questa volta non l’ha fatta.

Sveglia!

 

ALEIX ESPARGARO 6,5: Le prove hanno fatto sognare ma in gara gli avversari hanno ridimensionato le ambizioni. Resta, però, autore di una buona prestazione.

Bravino!

 

JOHANN ZARCO 5: Dalla pole all’anonimato, con l’aggravante dei punti persi contro Quartararo.

Non va!

 

VALENTINO ROSSI 4-: Certo la sua è la seconda Yamaha al traguardo ma in quattordicesima posizione e dopo 3 clessidre e mezzo dal vincitore. Altra brutta prestazione di un pilota che, a parere di chi vi scrive, ha già finito il viale del tramonto e non si comprende perché sia ancora lì.

Male!

 

MAVERICK VINALES 3: Un’involuzione la sua che non ha spiegazioni. Lamenta difficoltà durante la fase della frenata ma a guardare il compagno di squadra in merito non sembrano esserci problemi.

Malissimo!

 

HONDA: Vittoriosa grazie a Marquez.

 

KTM: Sempre più competitiva e concreta.

 

YAMAHA: Se non ci fosse Quartararo, sarebbe una disfatta…

 

DUCATI: Passo da gambero.

 

APRILIA: Un buon progetto, per raggiungere la vittoria, va sviluppato. E’ ciò che vogliono a Noale?

 

SUZUKI: Da violino intonato a trombone stonato…

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *