Frascati Scherma: veni, vidi… Vinci. “A Cassino sono stato tranquillo e ho fatto una bella gara”

 Frascati Scherma: veni, vidi… Vinci. “A Cassino sono stato tranquillo e ho fatto una bella gara”


Ha cominciato la stagione ufficiale come meglio non poteva. Flavio Vinci, sciabolatore del Frascati Scherma che a settembre compirà 17 anni ed è all’ultimo anno della categoria Cadetti, ha trionfato nella prova di qualificazione regionale andata in scena a Cassino nello scorso fine settimana.

Le dichiarazioni di Flavio Vinci

“E’ stato sicuramente divertente rientrare in pedana dopo tanto tempo, abbiamo ritrovato sensazioni che non provavamo da un anno – dice lo sciabolatore – E’ vero che avevamo fatto recentemente il test event a Cascia, ma non era la stessa cosa. L’anno senza gare è stato un po’ pesante anche perché fino a quel punto per me le cose non erano andate bene, ma forse questo periodo ha anche contribuito a tranquillizzarmi e a concentrarmi sul lavoro. A Cassino un po’ di tensione c’era perché l’obiettivo era quello di qualificarsi ai campionati italiani e non sapevo quale era il livello degli avversari dopo tanto tempo senza confronti ufficiali, ma alla fine è andato tutto liscio. Anche il mio maestro Lucio Landi era contento soprattutto per l’approccio mentale sereno che ho avuto. Con lui c’è e col preparatore atletico Giovanni Scardini c’è un ottimo rapporto che va oltre il lato squisitamente tecnico, sono cresciuto schermisticamente assieme a Lucio visto che ho iniziato a fare questo sport sette anni fa a Frascati e quasi subito sono diventato un suo allievo”.

Per lui questa è una stagione importante: “Si chiude il ciclo dei Cadetti e spero di fare bene ai prossimi campionati italiani. Poi nella categoria Giovani e negli Assoluti andrò a fare esperienza, in modo mentalmente più libero. A tal proposito domenica disputerò sempre a Cassino la prova di qualificazione regionale Giovani. Il futuro? Non mi faccio troppe aspettative, vivo il momento e penso solo agli appuntamenti che mi attendono prossimamente. Comunque la presenza in sala di allenamento di tanti campioni è un grande stimolo e uno splendido esempio per un giovane atleta. Il prossimo anno andrò a fare un semestre di studio a Vancouver (in Canada, ndr) e anche quella sarà una grande esperienza”.

Infine Vinci racconta com’è nata la sua passione per la scherma: “La mia è una famiglia di rugbysti e anche io da piccolo praticavo quella disciplina. Poi ho visto in tv le Olimpiadi di Londra e mi sono innamorato di questo sport: una volta provato non l’ho lasciato più e ho trasmesso la mia passione anche a mia sorella minore Greta che sta al Frascati Scherma. Ringrazio mia mamma Emanuela e mio papà Ugo per i sacrifici fatti in questi anni per consentirmi di portare avanti la mia passione”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *