La sfida tra Quartararo e Mir



Il nuovo decennio ci sta proponendo una nuova generazione di piloti, una situazione che rende labile ogni previsione precedente e il campionato avvincente ed emozionante.

Il primo appuntamento della seconda metà di stagione vede trionfare Fabio Quartararo (Petronas Yamaha SRT) autore della terza vittoria stagionale, non ché del terzo piazzamento in top 3. Come a dire che ormai che El Diablo ha imparato a vincere, o sale sul gradino più alto o non sale per niente sul podio. Lasciando da parte le battute, i numeri parlano chiaro: dopo le due vittorie a Jerez, il francese ha incassato una battuta d’arresto con due appuntamenti fuori dalla top 5 e uno addirittura in 13° posizione prima di arrivare a Misano, pista dove in tanti si aspettavano una sua reazione.

Il doppio appuntamento romagnolo è stato al di sotto delle aspettative

Caduto al GP di San Marino, quando il suo compagno di squadra Franco Morbidelli ha vinto la prima gara in MotoGP™, e poi quarto al GP dell’Emilia-Romagna dopo aver perso una posizione per non aver rispettato il long lap penalty all’ultimo giro. È al Circuit de Barcelona-Catalunya, pista talismano per il pilota di Nizza, che torna la luce. Nel 2018, il francese conquistò il primo successo nel mondiale in Moto2™ un anno dopo centrò il primo podio in classe regina e adesso torna a prendere il comando della classifica generale. “Ho sofferto nell’ultimo mese” è lo stesso Quartararo ad ammettere di aver faticato a gestire la pressione di due vittorie consecutive in una stagione che, orfana di Marc Marquez (Repsol Honda Team), ha visto nel giovane Fabio il principale candidato per la conquista del titolo iridato.

La vittoria del Gran Premi Monster Energy de Catalunya, permette a Quartararo di portarsi a quota 108 punti ma la sfida è con un altro giovane pilota agguerrito e pronto a scrivere la storia della Suzuki. Stiamo parlando di Joan Mir (Team Suzuki Ecstar), il pilota che negli ultimi cinque appuntamenti ha accumulato il maggior numero di punti. Il maiorchino è secondo in campionato con 100 lunghezze all’attivo, 10 in più rispetto a terzo in classifica generale, Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha MotoGP).

Adesso i due contendenti al titolo sono loro

Dalla sua, Quartararo può vantare la vittoria di tre GP, tra l’altro arrivati tutti in terra spagnola dove è cresciuto professionalmente nel CEV, mentre Mir punta tutto sulla costanza, quattro podi in cinque gare su piste con caratteristiche molto diverse. Il francese ha trovato in MotoGP™ la categoria fatta su misura per lui mentre lo spagnolo ha già vinto con differenza un titolo mondiale in Moto3™ nel 2017.

Fonte: motogp.com

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *