Il Milan pareggia contro la Spal

 Il Milan pareggia contro la Spal


Un lungo dominio, per larghi tratti anche in superiorità numerica, non è sufficiente al Milan per portare a casa i tre punti da FerraraI rossoneri rimontano sì due reti di svantaggio, grazie a Leão e all’autorete di Vicari nel recupero, ma non riescono a infilare la terza vittoria consecutiva in campionato dopo Lecce e Roma. Allo Stadio Paolo Mazza, contro la SPAL, è solo 2-2. Per lo scenario che si era prefigurato dopo la prima mezz’ora di gioco con il doppio svantaggio, il punto finale è importante e a tratti insperato; alla luce dei 39 tentativi (in porta e fuori) e i 17 calci d’angolo collezionati nei novanta minuti di gioco e delle tante parate di Letica, il pareggio non può che lasciare il rimpianto e l’amaro in bocca. Una nota positiva della serata è sicuramente il ritorno in campo di Zlatan Ibrahimović, inserito da Mister Pioli al minuto 65 per l’assalto finale.  Il Milan sale a 43 punti in classifica, mantenendo il settimo posto: ora i rossoneri sono attesi da un trittico di partite molto impegnative contro LazioJuventus Napoli.

LA CRONACA

Dopo due tentativi rossoneri con Paquetá Castillejo, la SPAL trova il vantaggio al 13′ in mischia con il destro deviato di Valoti. Il Milan però spinge e, un minuto più tardi, Çalhanoğlu impegna Letica con un destro sul secondo palo. Al 24′ di nuovo Paquetá su azione di corner gira di testa sull’esterno della rete. Al 29′ secondo squillo della SPAL e, incredibilmente, secondo gol, con Floccari che da oltre trenta metri trova il jolly di destro. Paquetá ci riprova di destro al 33′ ma trova di nuovo le mani di Letica. Al 36′ con Çalhanoğlu accorcia le distanze ma un fuorigioco di partenza di Rebić rende tutto inutile e Mariani annulla. I padroni di casa restano in 10 al 42′: bruttissima entrata di D’Alessandro su Theo e, dopo il giallo iniziale, Mariani consulta il VAR ed estrae il rosso. Sulla seguente punizione, Çalhanoğlu va al tiro e colpisce il palo. Al quinto di recupero del primo tempo, Calabria va vicino al gran gol di destro ma manda a lato.

La ripresa si apre di nuovo con Paquetá che chiama Letica all’ennesima grande parata. Al 57′ gran salvataggio di Vicari sul colpo di testa a botta sicura di Saelemaekers. Al 65′, nel momento in cui calano le forze in campo, torna in campo Ibra. Cinque minuti più tardi, la prima occasione per Zlatan che di testa, su bel cross di Saelemaekers, manda alto. Si rialza il pressing rossonero ma Letica e le deviazioni non sorridono al Milan. Finalmente il gol: al 79′ Leão con il piattone destro accorcia le distanze. Nel finale, Ibra prima e Gabbia poi sfiorano il pareggio, che arriva al quarto di recupero con una fortuita autorete di Vicari che fissa il 2-2 finale. 

IL TABELLINO

SPAL-MILAN 2-2

SPAL (4-4-2): Letica; Tomović, Vicari, Bonifazi (22’st Salamon), Sala; D’Alessandro, Valdifiori, Dabo (37’st Cionek), Valoti (1’st Fares) (30’st Strefezza); Floccari (1’st Missiroli), Petagna. A disp.: Thiam, Meneghetti; Castro, Cerri, Cuellar, Felipe, Murgia, Reca, Tunjov. All.: Di Biagio.

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma; Calabria (1’st Leão), Gabbia, Romagnoli, Theo Hernández (20’st Laxalt); Kessie, Bennacer (25’st Bonaventura); Castillejo (16′ Saelemaekers), Paquetá, Çalhanoğlu; Rebić (20’st Ibrahimović). A disp.: Begović, A. Donnarumma; Conti, Kjær; Biglia, Krunić; Maldini. All.: Pioli.

Arbitro: Mariani di Roma
Gol: 13′ Valoti (S), 30′ Floccari (S), 34’st Leão (M), 49’st aut. Vicari (M).
Ammoniti:  45′ Valdifiori (S), 13’st Letica (S), 38’st Dabo (S).
Espulso: 43′ D’Alessandro (S).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *