Frascati Scherma, Garozzo: “Olimpiadi? In questo momento la priorità è la salute pubblica”

 Frascati Scherma, Garozzo: “Olimpiadi? In questo momento la priorità è la salute pubblica”


Come tutte le palestre d’Italia, anche la “Simoncelli” (storico quartier generale del Frascati Scherma) rimane chiusa. E così anche gli atleti di spessore internazionale del club presieduto da Paolo Molinari devono “arrangiarsi” autonomamente con gli allenamenti.

L’emergenza Coronavirus è capitata in un anno particolarmente importante per il mondo dello sport e nello specifico per quello della scherma: a luglio si dovrebbero disputare (il condizionale è d’obbligo, al momento) i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, l’appuntamento clou per la vita di un atleta. Eppure c’è grande incertezza e c’è anche chi in questo momento non lo considera un pensiero primario.

E’ il caso di Daniele Garozzo che sarebbe sicuramente tra i protagonisti della rassegna a “cinque cerchi”, tanto da dover difendere addirittura il titolo olimpionico individuale di fioretto oltre che partecipare alla gara a squadre con i suoi compagni di nazionale.

Le parole Garozzo

“Ma in questo momento sto pensando poco all’Olimpiade, sono sincero – spiega il forte atleta siciliano – L’emergenza internazionale dovuta al Coronavirus e la salute pubblica sono assolutamente prioritarie, speriamo che la situazione si risolva presto. Tra l’altro leggo che i bookmaker considerano più probabile lo slittamento dell’evento e loro raramente sbagliano… Dal punto di vista personale un rinvio non sarebbe un grande problema a livello organizzativo”.

Garozzo non sembra particolarmente allarmato per la preparazione della gara olimpica.

“Ribadendo che il primo pensiero è un altro, ritengo che per uno schermidore cento giorni siano sufficienti per preparare al meglio un evento importantissimo come le Olimpiadi. A mio parere è molto più complicato il discorso per altri atleti come i nuotatori o i fondisti perché la preparazione è più lunga e non allenarsi adesso rappresenta un grosso problema”.

Il campione olimpico, in questo momento, si sta arrangiando a casa.

“La palestra è chiusa e credo che sia un provvedimento giusto. Io sto cercando di fare un po’ di lavoro fisico nella mia abitazione. L’augurio è che si possa tornare a fare sport perché vorrebbe dire che la situazione generale sta migliorando”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *