Serie A2 Femminile: le azzurrine cedono al tie break con Martignacco

 Serie A2 Femminile: le azzurrine cedono al tie break con Martignacco


Lo scontro diretto, decisivo per il prosieguo della stagione, non sorride al Club Italia CRAI che, al centro Federale Pavesi di Milano, cede 2-3 (28-26, 18-25, 25-22, 23-25, 14-16) con Itas Città Fiera Martignacco. La nona giornata di ritorno del Girone A del Campionato di A2 ha decretato l’accesso delle azzurrine nel gruppo della pool salvezza anche in virtù del punto conquistato da Olbia a San Giovanni in Marignano.
La bella prova del Club Italia CRAI non è stata sufficiente per chiudere la partita al quarto set, vinto dalle avversarie in rimonta, e conquistare quindi l’intera posta in palio. Martignacco con tenacia ha cercato la vittoria che vale il 4° posto in classifica e quindi l’accesso alla Pool Promozione e alla Coppa Italia.
Per questo match coach Massimo Bellano si è affidato alla diagonale Monza-Frosini, alle schiacciatrici Gardini e Populini, alle centrali Nwakalor e Kone e al libero Panetoni. Il tecnico Marco Gazzotti ha schierato Dhimitriadhi, Busolini, Carraro, Fiorio, Rucli, Nwanebu e il libero Caravello.
Presente alla partita anche il presidente federale Pietro Bruno Cattaneo.

CRONACA

Sin dalle prime battute la gara è accesissima. Il Club Italia CRAI trova il primo allungo di giornata (5-3), ma è pronta la risposta di Martignacco che pareggia i conti (6-6). Si procede in equilibrio (11-11). E’ sempre la formazione federale a prendere l’iniziativa e a tenere le avversarie un passo indietro (16-15). Martignacco ristabilisce l’equilibrio (17-17), prova ad allungare il passo (17-18) e coach Bellano chiama time out. Le azzurrine rispondono colpo su colpo, si riportano in parità (20-20) e allungano il passo (22-20). Il finale è incandescente (24-23) le due squadre si affrontano a viso aperto, ma è il Club Italia a trovare il ritmo migliore e a spuntarla ai vantaggi (28-26).
Il secondo set parte sui binari dell’equilibrio (3-3). E’ Martignacco a rompere gli indugi e a portarsi in vantaggio (6-10). Il time out chiamato da Bellano non sortisce l’effetto sperato e le ospiti mantengono in mano le redini del gioco (12-17). Arriva quindi il secondo time out per la panchina azzurrina e il cambio in regia: fuori Monza, dentro Pelloia. Il Club Italia fatica a trovare il ritmo giusto e sono le avversarie a condurre il set (14-21). Reazione di orgoglio delle azzurrine nel finale del parziale: Populini e compagne riprendono a fare punti, ma non bastano per recuperare e le ospiti possono pareggiare il conto set (18-25).
L’avvio di terza frazione è targata Club Italia (5-2). Un rosso alla panchina di Martignacco contribuisce all’avanzata azzurrina, alimentata da un ottimo rendimento dell’intera squadra (9-4). Le giovani allenate da coach Bellano continuano a macinare buon gioco e punti e il vantaggio aumenta toccando il +6 (14-8). Nel finale di set Martignacco dimezza lo svantaggio (22-19), ma sono le azzurrine a riportarsi in vantaggio (25-23).
Reazione d’orgoglio delle ospiti in avvio di quarta frazione: Martignacco spinge sull’acceleratore e si porta in vantaggio (1-5). Il time out chiamato da Bellano rimette in corsa le azzurrine (6-8) che ristabiliscono la parità (11-11) e sorpassano (16-14). Lenta ma efficace la rimonta delle ospiti che dal 20-15 riagguantano la parità (21-21) e chiudono a proprio favore la frazione portando la partita al tie break (23-25).
Il quinto set è accesissimo sin dalle prime battute. In palio ci sono l’accesso alla Pool Promozione e quello alla Coppa Italia. Le due squadre procedono appaiate (4-4) ma è Matignacco a trovare il primo vantaggio (4-6) e ad arrivare al cambio campo ancora avanti (6-8). Le azzurrine ritrovano ritmo e pareggiano i conti con Gardini (10-10). Ogni scambio è combattutissimo e si procede punto a punto (14-14). La formazione ospite la spunta ai vantaggi e si aggiudica due punti che le permettono di conquistare quarto posto, Pool Promozione e Coppa Italia (14-16).

MASSIMO BELLANO

“Era una partita tosta e difficile. Martignacco l’ha impostata bene e l’ha anche giocata bene. Brucia però il fatto che quando siamo riusciti a mettere il match sui binari giusti, prendendo un buon vantaggio nel quarto set, sul più bello ci siamo inchiodati su due rotazioni. Dispiace perché proprio in quelle rotazioni avevamo fatto cambiopalla con buona continuità. Abbiamo pagato caro quel momento di stop. Lo stesso è successo al tie break nel corso del quale abbiamo sbagliato un paio di situazioni che non erano di difficile lettura e di difficile soluzione. In una partita così equilibrata, che per lungh i tratti è stata giocata punto a punto, abbiamo fatto qualcosa in meno rispetto alle avversarie ed è giusto che abbiano vinto loro”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *