Al MotorLand Aragon il giorno in cui Marc Marquez raggiunge 200 gare e 300 punti in classifica generale, i suoi avversari, ancora una volta, devono inchinarsi alla sua classe.

Per la quarta volta di seguito, infatti, lo spagnolo campione del mondo in carica vince sul tracciato aragonese e lo fa dopo aver centrato la pole position e al termine di una fuga solitaria. Il 93 è sempre più il pilota di riferimento, spauracchio delle griglie di partenza, incubo per chi solo osa sognare il titolo. Marquez può essere piegato ma guai a provocarlo; ad oggi ha servito, con freddezza glaciale, letali pietanze a chi ha osato mettersi di traverso sul suo cammino. Chapeau!

 

Secondo un incredibile Andrea Dovizioso. Il forlivese è autore di una rimonta a dir poco entusiasmante, poiché dalla decima casella è risalito, con intelligenza e pazienza, sino alla prima posizione degli umani. Piazzamento che rafforza la piazza d’onore in campionato e che, come fa notare Loris Reggiani, non viene salutato con enfasi da chi urla la telecronaca. Fosse stato “l’altro” a fare una cosa simile, avremmo avuto come minimo 3 ore di special e una maratona stile Mentana. Come se la Ducati e il Dovi non fossero italiani e come se non avessero fatto nulla di buono. Un piccolo appunto per Reggiani: ad oggi dove ha vissuto? Perché sono decenni che le urla gioiose sono tali solo quando si trattava di osannare le magnifiche gesta del Vale e si tratta, oggi, di giustificare l’ingiustificabile. Reggiani che, ricordo, ha avuto amor patrio a corrente alternata: positiva per Marco Melandri, negativa per Max Biaggi. Mannaggia, mannaggia. Vabbè meglio tardi che mai…

 

Buon terzo posto per l’australiano desmodromico Jack Miller: lotta a suon di staccate e strappa l’ultimo gradino del podio che, per un privato, equivale ad un successo. La Ducati ha già in casa il pilota sul quale puntare.

 

Solo quarto Maverick Vinales: lo spagnolo, a lungo secondo, non riesce a consolidare la posizione ed è, anzi, costretto ad arrendersi dagli attacchi ducatisti. Una piccola débacle che potrebbe costare molto in termini di umore.

 

Stesso discorso per “El Diablo” che taglia il traguardo con le corna spuntate.

 

La settima posizione di Aleix Espargaro viene salutata fragorosamente. Visti i precedenti, effettivamente è un buon risultato. Ma davvero vale la pena investire milioni di euro per raggiungere solo questi piazzamenti? Mi piacerebbe vedere l’Aprilia in prima pagina perché lotta per il vertice e non per un settimo posto o perché un suo pilota ama la vita da tronista.

“Ottavino” Rossi arriva alla bandiera a scacchi dopo 23 secondi, mentre Marquez festeggiava nel box. Certo ha 40 anni. Certo ci mette il cuore. Certo ha un gran seguito di tifosi. Certo, certamente: per piacere, però, non prendiamoci in giro. A che serve prendere paghe pazzesche? Si diverte così? Buon per lui.

 

Jorge Lorenzo è sempre più timoroso della sua Honda. Ironia della sorte è arrivato a 46 secondi da chi guida la stessa moto. Anche per lui vale il discorso fatto per il Vale: a che serve prendere paghe pazzesche? Guai ad arrendersi ma di fronte all’evidenza?

Complimenti a Aròn Canet e al Max Racing Team, bravi a lottare per il titolo nell’anno dell’esordio. Guai, però, ad urlarlo…

 

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp