Il Campionato del mondo FIM Supersport ha visto spesso, in questo 2019, gli alfieri del BARDAHL Evan Bros. WorldSSP Team, Federico Caricasulo e Randy Krummenacher tagliare per primi il traguardo. Dopo 19 giri di sfide e di sorpassi, i due compagni di squadra sono stati ancora una volta primo e secondo sotto la bandiera a scacchi, a seguirli sul podio c’è Jules Cluzel (GMT94 YAMAHA).

Una volta spenti i semafori, il campione del mondo nel 2017, Lucas Mahias (Kawasaki Puccetti Racing), scattato dalla terza casella dello schieramento, è andato al comando della gara mentre Caricasulo e Krummenacher lo seguivano a ruota. Bello lo scatto di Raffaele De Rosa (MV AGUSTA Reparto Corse) in quarta posizione, quinto invece Thomas Gradinger (Kallio Racing) davanti a Hikari Okubo (Kawasaki Puccetti Racing). Cluzel è partito bene ma si è dovuto battere a lungo nel corso del primo giro per recuperare il passo dei piloti in testa alla corsa.

Al comando c’erano sette piloti guidati da Mahias, ma Krummenacher è riuscito a superare il francese dopo sei giri dal via, in tutto ciò, Caricasulo era lì, attaccato al compagno di squadra così poco dopo è riuscito a superare anche lui il pilota Kawasaki. Mahias si è trovato allora ad inseguire il romagnolo che non ne aveva abbastanza per scappare. Mentre Caricasulo e Mahias si sfidavano, Krummenacher ne ha approfittato per allungare il distacco.

Ma presto i due sfidanti si sono trovati vicini allo svizzero mentre De Rosa era risalito superando il francese alla curva 6, del quinto giro. Mahias si è trovato in una nuova battaglia, questa volta contro Gradinger, tra la curva 9 e la 10, mentre Cluzel li seguiva da vicino.

Ma le battaglie nel WorldSSP iniziano presto e si protraggono fino alla bandiera a scacchi. Hikari Okubo si è sganciato dal gruppo di testa e a circa metà gara si trovava in settima posizione. Caricasulo e Krummenacher si stavano scambiando le posizioni in modo frenetico tra le curve 1, 6 e 13.

Nel frattempo Cluzel era quinto e mezzo giro più tardi era terzo dopo aver fatto un sorpasso su De Rosa alla curva 1 a sette giri dalla fine. Una tornata più tardi, Krummenacher ha superato di nuovo Caricasulo alla 6 e ha mantenuto la prima posizione nei giri successivi. Cluzel è riuscito poi a prendersi la seconda posizione ma è stato per poco perché alla curva 13 Caricasulo è tornato ad imporsi sul francese.

La velocità in gara di Cluzel è stata fenomenale, scattato dall’ottava casella, è risalito fino alla terza posizione e si stava battendo per fare ancora meglio. Ma a pochi giri dalla fine, il ravennate ha iniziato a spingere riducendo sempre di più il distacco dal francese, che ha superato alla curva 6, per poi andare a prendere il compagno di squadra.

Nonostante gli sforzi, Krummenacher non è riuscito a difendere la prima posizione, Caricasulo si è imposto durante l’ultimo giro ottenendo la sua seconda vittoria consecutiva a Jerez e stabilendo il nuovo record della pista durante l’ultimo giro. Lo svizzero si è dovuto accontentare della seconda posizione mentre la rimonta di Cluzel si è conclusa con il terzo posto. Gradinger ha spinto al massimo ma si è dovuto accontentare del quarto posto, seguito da Raffaele De Rosa e da Lucas Mahias.

Okubo è arrivato settimo piazzandosi davanti al padrone di casa Isaac Vinales (Kallio Racing) e a Corentin Perolari (GMT94 YAMAHA) e all’ungherese Peter Sebestyen (CIA Landlord Insurance Honda) a completare la top 10. Hannes Soomer (MPM WILSport RAcedays), Loris Cresson (Kallio Racing), Ayrton Badovini (Team Pedercini Racing), Maria Herrera (MS Racing) e Rob Hartog (Team Hartog – Against Cancer) completano la zona punti.