Dopo una perentoria vittoria di Álvaro Bautista nella Superpole Race della mattina, entrambi i piloti del team Aruba.it Racing – Ducati sono stati costretti al ritiro dopo una caduta nel corso della seconda gara del Spanish Round sul circuito di Jerez.

Appena superato il traguardo alla fine del primo giro, il 34enne pilota spagnolo è scivolato all’ingresso della prima curva. Bautista è rientrato ai box per poi ripartire dopo sette giri, ma, a causa della bandiera rossa non ha completato la distanza minima per essere classificato di conseguenza, per la prima volta in questa stagione ha concluso la gara senza prendere punti.

Molto sfortunato anche il suo compagno di squadra Chaz Davies. Il 32enne pilota gallese, partito dal dodicesimo posto in griglia, stava facendo una bella rimonta, quando un contatto alla curva 5 nel corso del sesto giro con Melandri (Yamaha) ha eliminato entrambi dalla lotta per il quarto posto.

Dopo i risultati di Jerez, Bautista rimane al comando della classifica con 300 punti, 41 più di Rea, mentre Davies perde due posizioni e scivola al ottavo posto con 94 punti. Il prossimo appuntamento del Mondiale Superbike, il Riviera di Rimini Round, si svolgerà tra due settimane al Misano World Circuit, dal 21 al 23 giugno.

Álvaro Bautista (Aruba.it Racing Ducati #19) – 1° / ritirato
“Oggi è stata una giornata agrodolce nel senso che prima abbiamo vinto la Superpole Race e poi in Gara 2 sono caduto al secondo giro. È un peccato perché non ho fatto nulla di strano, ho semplicemente perso l’anteriore, ma così sono le gare. Quello di Jerez è stato un fine settimana davvero straordinario, non solo per le mie due vittorie ma anche per l’atmosfera che si respirava qui nel Paddock, e per tutti i tifosi che sono venuti in circuito a vedere lo spettacolo. Adesso dobbiamo soltanto continuare a portare avanti l’ottimo lavoro svolto in questo weekend e cercare di replicare le stesse sensazioni nella prossima gara di Misano.”

Chaz Davies (Aruba.it Racing Ducati #7) – 10° / ritirato
“Sapevo che quello di Jerez sarebbe stato un weekend difficile, ma speravo almeno che con l’atteggiamento giusto avrei potuto ottenere buoni risultati. Su una pista come quella di Jerez, con molte curve lunghe, per l’intero weekend non siamo riusciti a trovare un setup ottimale. Dopo la Superpole Race, durante la quale ho avuto un problema di vibrazione, i ragazzi del team hanno fatto un ottimo lavoro per prepararmi una buona moto per la seconda gara. Infatti sono riuscito a guidare come volevo, rimontando molte posizioni prima di essere coinvolto nell’incidente con Melandri alla curva 5. Sto bene fisicamente, ho soltanto rimediato una contusione all’anca.”