L’unica vittoria di Aprilia ad Imola è arrivata con il modello precedente, il due-cilindri RSV1000, in Gara 2 nel 2001. Da allora, hanno fatto seguito alla vittoria altri dieci podi, gli ultimi dei quali sono stati rappresentati da tre terzi posti nelle seconde gare dal 2013 al 2015. Lo scorso anno, il miglior risultato per Aprilia è stato un ottavo posto di Lorenzo Savadori in Gara 1 ed un settimo di Eugene Laverty in Gara 2.

BMW ha conquistato due podi ad Imola nel 2012 con Leon Haslam, che è arrivato terzo in entrambe le gare. Lo scorso anno il miglior risultato del marchio è stato un 14° posto con Raffaele De Rosa in Gara 1, mentre Jordi Torres è stato costretto a saltare l’appuntamento a causa di una problema di stomaco. È tornato in Gara 2 conquistando un ottavo posto.

Negli ultimi due anni, Ducati ha rafforzato il record di vittorie nel WorldSBK ad Imola, con Chaz Davies che ha conquistato due doppiette consecutive, nel 2016 e nel 2017. Il pilota britannico ha così portato a 17 le vittorie totali, più di tutte quelle dei loro avversari messe insieme (Honda con 7, Kawasaki con 4 e Aprilia con 1). Ducati ha conquistato la pole negli ultimi tre anni, diventando così l’unico marchio ad ottenerne tre su questo tracciato.

Honda è il secondo marchio con più successi ad Imola, con sette vittorie, le ultime tre conquistate da Jonathan Rea in Gara 1 nel 2011 e con una doppietta nel 2014. Lo scorso anno il miglior risultato è stato un decimo posto in Gara 1 con Stefan Bradl ed un dodicesimo in Gara 2 con Nicky Hayden. Quella seconda gara è stata l’ultima del pilota statunitense prima della sua tragica morte il 22 maggio scorso a seguito di un incidente in bicicletta mentre si allenava.

Kawasaki ha vinto ad Imola quattro volte, con una doppietta di Tom Sykes nel 2013 ed un’altra di Jonathan Rea nel 2015. Nelle ultime due stagioni comunque ha dovuto arrendersi a Chaz Davies, entrambe le Kawasaki hanno finito seconda e terza dietro alla pilota Ducati in tre gare su quattro. Questo è avvenuto in tutte e due le gare del 2016 e lo scorso anno in Gara 2, mentre in Gara 1 Rea ha chiuso secondo e Sykes quarto. Kawasaki ha ottenuto 16 podi qui fino ad ora e tutti con uno dei suoi attuali piloti, dal 2012 in poi. Si tratta del secondo marchio con più podi alle spalle di Ducati (38).

Sono arrivati tre podi per Yamaha sul tracciato italiano. Sono stati tutti terzi posti conquistati nell’unica gara del 2005 da Noriyuki Haga, in Gara 1 del 2006 da Andrew Pitt ed in Gara 2 nel 2010 da Cal Crutchlow. Lo scorso anno il miglior risultato per Yamaha è stato un settimo posto di Michael van der Mark in Gara 1 ed un sesto di Alex Lowes in Gara 2.

MV Agusta ha ottenuto punti qui tre volte, grazie ad un sesto e ad un quinto posto di Leon Camier nel 2016 ed un altro sesto in Gara 1 lo scorso anno.

Fonte: worldsbk.com