L’opinionista: Max Biaggi, l’Aprilia e gli ordini di scuderia

 L’opinionista: Max Biaggi, l’Aprilia e gli ordini di scuderia


Nel recente Gran Premio di Russia sul Moscow Raceway, abbiamo assisitito in gara 1 ad un classico delle corse motoristiche di sempre, ovvero il famoso ordine di scuderia. Nessuno ha effettivamente ammesso che in casa Aprilia sia stato detto a Eugene Laverty di far passare Max Biaggi, ma certo è che, senza commettere nessun errore, perdere un secondo e mezzo in meno di un km, qualcosa poco chiara e che ci fatto capire c’è stata.
C’è chi lo ha criticato, c’è chi ha  inveito sull’ usa di questa tattica, c’è chi dice che così sono le corse, e chi, infine, persino chi lo ho esalta. Senza dubbio per un pilota ricevere l’ordine di far passare il proprio compagno di squadra dopo essere stato davanti per tutta la gara deve essere decisamente frustrante, ma è anche vero che ad inizio campionato in una scuderia c’è il primo e il secondo pilota, e da sempre quest’ultimo è chiamato a sacrificarsi. Senza tralasciare che questi ordini vengono impartiti se esistono  le basi per farlo, qualcuno forse si è dimenticato che Max Biaggi sta lottando per il titolo mondiale e anche quanti  interessi ci sono in ballo oltre a quelli economici?
Concordo con chi dice che a livello di etica sportiva non è propriamente corretto e giusto, anche nei confronti degli avversari,  ma senza dubbio ci sono stati casi molto più eclatanti, la formula 1 insegna, dai recenti fatti in casa Lotus in Bahrain quando Gosjean ha lasciato passare il compagno di squadra Kimi Raikkonen, al recentissimo sorpasso di Fernando Alonso su Felipe Massa, per non dimenticare il famoso sorpasso di Michael Schumacher su Ruben Barrichello nel 2003 a Zeltweg,  con il tedesco in piena  lotta al titolo mondiale (quando poi Schummy vinse il mondiale chi aveva gridato allo scandalo  lo abbiamo visto festeggiare).
E come non ricordare il rovescio della medaglia quando  nel 2005 in 125 GP, la KTM chiese ai suoi piloti di aiutare Mika Kallio nella lotta alla Honda Di Thomas Luthi e  Talmacsi non rispettò “l’accordo”  con  Kallio che perse il mondiale per 5 punti.
Quindi cari lettori facciamo meno i moralisti, semmai critichiamo ma senza inveire su piloti case e scuderie, e se vogliamo girare  lo sguardo sulla questione “etica” sono d’accordo con con chi dice che non è il massimo della correttezza,  ma allora dovremmo accettare che qualsiasi aiuto debba essere penalizzato come quando i piloti di una stessa squadra escono insieme per usare al meglio la scia, o chi ne approfitta per “rubare” la scia ad un avversario per fare il tempo, riflettete, scorrettezza o strategia?
Diciamo la verità la scuderia è una squadra, e come tutte le squadre ognuno al suo intenro ha i suoi compiti e si suoi doveri, e questi si sanno ad inizio stagione quindi facciamo poco i puritani e i moralisti e godiamoci le corse così come vengono perchè i sorpassi, quelli veri, ci sono e ci fanno divertire.

Un ultima domanda, il prossimo anno im motoGP in Yamaha come prima guida ci sarà Jorge Lorenzo e, al suo fianco, a fargli da alfiere Valentino Rossi, avranno il coraggio, se lo spagnolo sta lottando per il titolo, di dire a Rossi di farsi da parte e lasciar passare il compagno?

Dicci come la pensi al nostro indirizzo Facebook

 

 

Giovanni Soldato

 

 

[nggallery id=254]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

Giovanni Soldato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *