ANGUILLARA – IL VOLLEY ROSA VINCE, MA PER IL ROTTO DELLA CUFFIA

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Brutti momenti quelli che le “ragazze di Ferretti” hanno fatto vivere ai supporters presenti in tribuna.
Incredulità e disappunto da parte degli spettatori, che sono passati da uno stato di euforia dopo il secondo set a quello di viva preoccupazione alla fine del quarto. Due partite completamente diverse una dall’altra, con un tie break che non lasciava certo sperare in un risultato positivo.
Tanto per non farsi mancare niente, pesante l’appello in infermeria. Altalenante la resa del ginocchio della Pelliccioni più volte sottoposto a…crioterapia. Fuori per i prossimi turni Martha Mosetti che ha il pollice della mano sinistra steccato mentre Flavia Gemma continua a giocare nonostante il suo polso sinistro non sembra essere tornato nelle condizioni ottimali. Gioca da libero Michela Ippoliti mentre Valeria Flamini resta a disposizione come palleggiatrice nel caso la Gemma non ce la dovesse fare. Chiamata a giocare l’intera rosa a disposizione di Ferretti e forse l’andamento della partita trova anche in questo qualche spiegazione.
Un primo set con le Sabatine in costante vantaggio. Qualche servizio spedito alle ortiche ma anche dei muri insuperabili da parte della Pelliccioni, della Scalambretti, di Raquel Ascensao e di una ritrovata Stamenkovic oggi apparentemente più reattiva. Sul 22 a 16 ferretti lascia entrare la Forcella e la Flamini per far riposare rispettivamente la Pelliccioni e la Gemma. Non si assiste a fasi di gioco esaltanti ma l’importante è chiudere i punti, cosa che alle “ragazze di Ferretti” oggi sembra riuscire senza penare troppo. La prima frazione termina con il punteggio di 25 a 18.
Cambio di campo. Il secondo set sembra mettersi subito bene grazie alla ritrovata potenza della Pelliccioni e alla ugualmente ritrovata velocità della Stamenkovic Le Sabatine prendono un bel vantaggio grazie anche alla bravura di Raquel Ascensao che dalla seconda linea è imprendibile. Rientra ancora la Forcella autrice di una bella coppia di chiusure a cui fa da contraltare la Cesareo che non sembra far rimpiangere la Scalambretti. Con l’ingresso anche della Di Lauro la formazione in campo è quasi completamente stravolta rispetto allo standard. Le sarde si rifanno sotto obbligando Ferretti a chiedere il time out sul punteggio di 21 a 15. Il briefing sembra funzionare perché gli attacchi di Raquel Ascensao, della Forcella e della Cesareo consentono di chiudere positivamente anche il secondo set con il punteggio di 25 a 16.
Tranquillità sulla panchina di Anguillara e anche in tribuna dove regna la convinzione che la partita sia ormai segnata a favore delle locali. Nulla di più errato.
Il terzo set inizia con nuovamente in campo la formazione base delle Sabatine a cui forse l’interruzione, anziché servire a recuperare le forze, ha nuociuto mandandole apparentemente fuori palla.
Sul punteggio di 1 a 7 le  Sarde appaiono determinatissime e le locali praticamente irriconoscibili.
Sul 4 a 11 Ferretti chiama il time out per cercare di scuotere le ragazze, entra Giulia Artinghelli in arte “Manola” mentre Valeria Flamini sostituisce Flavia Gemma. La situazione si fa critica mentre lo score è di 5 a 16. Abbastanza buona la prova di Michela Ippoliti anche se con qualche incertezza di troppo nella ricezione che non aiuta certo il ruolo della palleggiatrice. Assistiamo ad una leggera ripresa grazie ad un paio di buone chiusure effettuate dalla Artinghelli autrice di un paio di interventi a dir poco inguardabili. Non bastano le cattiverie agonistiche di Marlene Ascensao e della Scalambretti in chiusura di set: se lo aggiudicano le Sarde con il pesante punteggio di 13 a 25.
Neanche il tempo per capire cosa sia successo che anche  il quarto set si presenta con grosse preoccupazioni per il team di Ferretti.
Sempre più rinfrancate le atlete cagliaritane che sembrano aver innestato il turbo e sempre più immerse in letargo le Sabatine oggi più attente sui pallonetti ma ‘difettose’ nel servizio.
Si arriva rapidamente sul 7 a 13 e Ferretti cerca di frenare la rincorsa delle ospiti chiamando il time out. L’esperienza della Scalambretti aiuta la squadra, ma non può bastare a frenare gli attacchi delle Sarde e tra l’altro la nostra ricezione è lontanissima dal potersi fregiare di tale appellativo rendendo il compito della Gemma assolutamente impossibile. Inevitabile la batosta del quarto set che si chiude 9 a 25 a favore delle atlete Sarde.
A quel punto, difficile immaginare qualcuno disposto a scommettere sulla vittoria delle ragazze locali e anche chi scrive si è trovato a prendere appunti che solo mezz’ora prima avrebbe considerato più che improbabili.
Con questo spirito che aleggia in tribuna, misto ad una buona dose di apprensione, comincia l’ultima frazione e non sappiamo tra l’altro quale sia lo stato d’animo delle “ragazze di Ferretti”.
Le Sarde provano subito  a staccare le locali ma sul 1 a 3 Ferretti ferma il gioco con un time out e da quel momento c’è solo la Scalambretti cui la Gemma riesce finalmente a servire i palloni giusti. Fortunatamente le ragazze di Anguillara hanno saputo ritrovare lo stimolo giusto per ribellarsi ad un risultato che sarebbe stato difficilmente giustificabile e si aggiudicano per 15 a 9 il quinto set e l’incontro, ma stavolta passando proprio per il rotto della cuffia.
In classifica il Volley Anguillara occupa la quinta posizione e sabato sul campo cagliaritano del Serramanna, fanalino di coda del campionato, dovrà vincere con il massimo del punteggio perché la sua diretta inseguitrice, la Polisportiva Roma 7 affronterà un impegno non proibitivo a Fondi in casa del Marzocchi Group con il rischio per il team sabatino di vedersi scavalcare.
Forza ragazze, continuate a farci sognare.

Renato Magrelli

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/5684/” title=”5684″]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick