MotoGp, Mugello 22: la pagella del Dicos

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
mugello

PECCO BAGNAIA 10: Quinto in griglia e primo al traguardo. L’italiano risponde, così, all’errore dell’ultima gara. Un successo frutto di una condotta di gara accorta che lo ha visto sfruttare al meglio le potenzialità velocistiche della sua Ducati. Un’affermazione che può essere il punto di partenza verso la scalata al titolo; tutto dipenderà dalle capacità di Pecco a non commettere più errori, specie se sotto pressione. Ottimo!

 

FABIO QUARTARARO 9,5: Per il campione del mondo in carica doveva essere un fine settimana da dimenticare. La M1, infatti, è troppo lenta rispetto alla Desmosedici ed il Mugello, oltre ad essere la pista di casa Ducati presenta tratti a dir poco veloci. Con queste premesse, chiunque si sarebbe abbattuto. El Diablo, però, non è uno qualunque; è oggi il miglior pilota della massima serie. Un pilota che anche al Mugello ha fatto capire che dove non arriva la moto arriva il suo talento. La piazza d’onore è davvero tanta roba e Fabio diventa sempre di più l’uomo da battere. Strepitoso!

 

ALEIX ESPARGARO 8,5: Su una pista veloce, francamente, mi aspettavo qualcosa di più dal binomio italo/spagnolo. Non tanto in termini di piazzamento ma in termini di distacco dal leader in classifica. L’Aprilia è un altro missile terra-terra e la Yamaha in queste condizioni è un bersaglio non difficile da colpire. Aleix, invece, perde un’occasione per mettersi alle spalle Fabio. Al tempo stesso conquista punti pesanti e occhio a non darlo come favorito nella lotta iridata. Benino!

 

JOHANN ZARCO 8: La medaglia di legno premia gli sforzi del francese che è anche il primo ducatista privato al traguardo. Un piazzamento che vale tanto anche in termini di morale. Bravo!

 

MARCO BEZZECCHI 7,5: Per l’italiano del VR46 Racing Team il traguardo della pista toscana significa assaporare le posizioni che contano. Vince, poi, la sfida con il teammate. Forza!

 

LUCA MARINI 7: Non è un fuoriclasse ma non è neanche un somaro come alcuni lo dipingono sui social. E’ un buon pilota che se messo nelle condizioni giuste è in grado di ben fare. Al Mugello Luca è stato semplicemente cosa buona è giusta!

 

ENEA BASTIANI 4: Per me è l’unico che può davvero mettere in difficoltà Quartararo visti i problemi di Marquez. Mi permetto di dargli un consiglio: far vincere il mondiale ad un privato sarebbe uno smacco troppo grande per gli ufficiali, specie per i loro sponsor. Sono un malpensante? Come diceva Andreotti? A pensar male si fa peccato ma…

 

MARC MARQUEZ: Lo spagnolo, purtroppo, si prenderà un periodo di pausa perché la settimana prossima sarà sottoposto ad una nuova operazione che, si spera, sia quella definitiva. All’8 volte campione del mondo auguro che tutto vada per il meglio e che possa ritornare a divertirsi in pista il prima possibile. A quanti (alcuni addirittura sono ex piloti…), invece, hanno parlato e scritto di “karma” auguro di trovare un po’ di serenità perché solo dei disturbati possono partorire cattiverie simili.

DUCATI: Sulla pista di casa piazza solo una moto sul podio…

 

YAMAHA: San Fabio è prodigioso ma non completamente miracoloso…

 

APRILIA: Bene solo con Aleix.

 

KTM: Sotto tono.

 

HONDA: Dispersa.

 

SUZUKI: Naufragate.

 

FOLLA OCEANICA: Gli spalti del Mugello sono stati presi letteralmente d’assalto dal vuoto…Nonostante le virtù divine del campione che aveva avvicinato le masse al motociclismo, la tappa italiana è stata avara in termini di presenze di pubblico. Un conto è la passione per lo sport un’altra è la passione per un fenomeno commerciale. La prima ti accompagna per tutta la vita mentre la seconda è come la moda. A ciò si aggiunga il prezzo dei biglietti a mio avviso esagerato, ed ecco servita la prima gara dell’anno con poco pubblico. Dalle nostre parti urge un cambio di rotta che anteponga lo sport al business. Ma questa è un’altra storia…

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick