WSSP: l’Italia festeggia il titolo mondiale di Locatelli

 WSSP: l’Italia festeggia il titolo mondiale di Locatelli


Da molto tempo un pilota italiano non vinceva il titolo nel Campionato del Mondo FIM Supersport ma dopo oltre due decenni, è successo: Andrea Locatelli (BARDAHL Evan Bros. WorldSSP Team) ha regalato la gioia iridata all’Italia, Paese che nel corso degli anni ha offerto tanti volti noti ed eroi al mondo delle competizioni motociclistiche: la maggior parte di questi è passata anche per il WorldSSP. Questo però è il primo titolo mondiale. L’Italia non festeggiava un campione del mondo nel paddock del WorldSBK dal 2012 quando Max Biaggi coronò il suo sogno iridato nel World Superbike.

Italia protagonista

L’Italia vince delle gare in questa categoria quando però si chiama ancora Supersport World Series e non Campionato del Mondo FIM Supersport come oggi. Paolo Casoli nel 1997 conquista il primo titolo nel Supersport World Series mentre l’anno dopo a fare festa è l’indimenticato Fabrizio Pirovano. Nel 1999 si trasforma in un Campionato del Mondo e la sfortuna si mette sempre di traverso sul percorso degli italiani.

Nel 2000 Paolo Casoli non riesce a vincere il titolo per soli tre punti. A batterlo è il tedesco Jörg Teuchert. Entrambi non arrivano alla bandiera a scacchi a Oschersleben; Casoli cade da solo mentre il compagno di box di Teuchert causa la caduta del tedesco alla penultima curva. Nell’ultimo appuntamento dell’anno Casoli arriva quinto mentre a terra finisce anche un altro pretendente al titolo, Stephane Chambon, aprendo così la strada alla gioia iridata di Teuchert.

Casoli arriva all’ultimo Round del 2001 in programma a Imola con 11 punti di vantaggio. Un margine non sufficiente dato che al primo giro viene mandato a terra da Karl Muggeridge alla chicane Villeneuve. Andrew Pitt si laurea campione del mondo pur non vincendo nemmeno una gara. Solo due punti negano all’italiano la gioia mondiale. Poi per oltre un decennio nessun italiano lotterà per il titolo del WorldSSP.

 

Negli anni abbiamo visto diversi italiani esultare

 

L’ultima vittoria di Casoli arriva nel 2002 a Oschersleben. Passeranno altri tre anni prima di assistere a un nuovo successo tricolore con Gianluca Nannelli che sul bagnato di Imola batte tutti in sella alla Ducati. Per Borgo Panigale è l’ultima vittoria nel WorldSSP. Massimo Roccoli festeggia a Misano, poi nel 2010 a Imola è la volta di Michele Pirro. Tutti e tre partono dalla terza casella.

Nel 2011 sono tre le gare che Luca Scassa porta a casa mentre Lorenzo Lanzi conquista una vittoria bellissima e contro ogni pronostico ad Assen nel 2012. Nessun successo nel 2013 ma il 2014 vede Lorenzo Zanetti festeggiare a Imola insieme a MV Agusta. Il pilota italiano l’anno successivo conquista sei podi ma nessuna gara e chiude terzo in classifica.

Il 2016 vede l’arrivo di Federico CaricasuloAyrton Badovini a Sepang batte all’ultima curva l’idolo di casa Zulfahmi Khairuddin. Nel 2017 Roberto Rolfo vince a Phillip Island: per la prima volta da Assen 2011 un italiano torna in testa alla classifica della classe intermedia mentre Federico Caricasulo fa festa in due occasioni. Nel 2019 nella lotta per il titolo viene battuto da Randy Krummenacher. Ora dopo una stagione da dominatore Andrea Locatelli è la nuova stella del World Supersport; ha vinto tutte le gare tranne una, è sempre partito dalla pole e ha firmato tutti i giri veloci; in Catalogna solo il maltempo gli ha impedito di proseguire la sua striscia perfetta al 100%. Locatelli ha dominato il Campionato come nessuno aveva fatto prima e ha reso orgoglioso il suo Paese. Cosa riserverà il futuro al vero dominatore del 2020?

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *