WSSP: la prima volta mondiale di Luigi Montella

 WSSP: la prima volta mondiale di Luigi Montella


Sono nato all’ombra del Vesuvio e lo ammetto: quando vedo un napoletano cimentarsi nelle sfide mondiali del motociclismo ho il cuore che mi batte forte.

Se a ciò aggiungiamo che durante la mia adolescenza ho mosso i primi giri a Ponticelli (quartiere della periferia partenopea) in sella ad un Piaggio Si rosso super elaborato (letteralmente volava…) dal padre Gennaro e che ho visto Luigi danzare per le prime volte tra i cordoli su una minimoto, beh, quando vedo il nome Montella nel riquadro dei piloti in gara, mi emoziono.

Mi emoziono perché vedo realizzare il sogno di uno scugnizzo e della sua famiglia, tutti, dalla madre al fratello, appassionati di moto.

A casa Montella si respira una sana passione che spinge tutti i membri a stringersi attorno al talento di Luigi e a fare il tifo per lui, anche a costo di importanti sacrifici.

Ecco perché quando Luigi non solo ha debuttato, alla guida di una Yamaha R6 del Team Dk Motorsport, nel mondiale Supersport ma ha anche conquistato un punto, sono saltato dalla gioia.

Un giovane del mio quartiere, un napoletano, uno di noi può dire e dice la sua tra i più bravi del pianeta; chapeau!

A Jerez un caldo insopportabile

“La pista spagnola – dice Luigi – è molto tecnica e mi è piaciuta. Nelle prove alcuni problemi tecnici ci hanno rallentato ma nel Warm Up abbiamo fatto passi da gigante. In Gara 1, nonostante il caldo davvero insopportabile, ho mantenuto la concentrazione per tutti i giri e, così, ho conquistato un punto preziosissimo. Purtroppo non mi sono ripetuto in Gara 2, dove ho tagliato il traguardo diciannovesimo. Il bilancio del fine settimana, però, rimane più che positivo Ringrazio i ragazzi del team, gli sponsor e le aziende Bava, Opportunity Shop, EMG S.n.c., Vimal, Mt Helmets, Albatros, nonchè gli sponsor tecnici quali RC Racing Radiator e HT Sinlubit.”.

 

Ora la doppia tappa di Portimao

“Anche su questa pista non ho mai gareggiato tantomeno provato. Dicono essere molto complicata perché ha molti punti ciechi e molte staccate in discesa; a renderla più complicata sono i repentini cambi di direzione, sia in salita sia in discesa. Io, però, affronterò la doppia sfida portoghese con il solito spirito, ossia fare tanta esperienza e prendere il meglio che è possibile agguantare”.

In bocca al lupo figlio del Vesuvio!

luigi montella

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *