MotoGp, Jerez 2020 atto II: la pagella del Dicos

 MotoGp, Jerez 2020 atto II: la pagella del Dicos


FABIO QUARTARARO 10: Pole position, dominio in gara, vittoria e primato in classifica. El fine de semana perfecto del Diablo!

 

MAVERICK VINALES 8: Centra la piazza d’onore ma con oltre 4 secondi di distacco da chi guida la stessa moto ma gestita da un team non ufficiale e dopo aver sudato oltremodo per superare Rossi. Bene ma non benissimo!

 

VALENTINO ROSSI 9: A 41 anni suonati, Mister 9 volte si regala un podio dal sapore dolce come il miele. Certo è stato agevolato dalle cadute e dalle rotture dei suoi avversari, ma chi arriva al traguardo davanti ha sempre ragione. La sua è l’ultima Yamaha che ha visto la bandiera a scacchi? Vero, ma è altrettanto vero che i punti conquistati sono 16. Francamente, per come è stato concreto ed efficace, mi ha stupito. Complimenti!

 

TAKAAKI NAKAGAMI 7,5: Medaglia di legno per il giapponese. Qualcuno fa notare che è stato agevolato dalle cadute e rotture ma, come per Rossi, vale il principio che chi arriva al traguardo davanti ha sempre ragione. Sorpresa!

 

JOAN MIR 7: Di questi tempi, nonostante le assenze e gli errori, concludere in sella ad una Suzuki in quinta posizione è un buon piazzamento. Bravo!

 

ANDREA DESMODOVI 5: Dal podio della settimana scorsa all’anonimato di questo week end. Un’involuzione che preoccupa e che sottrae brio allo spettacolo. Urge un repentino cambio di passo. Forza!

 

MARC MARQUEZ: Al campione del mondo in carica non assegno alcun voto ma gli riconosco una forza di volontà ed una grinta a dir poco eccezionali. Anche lui è umano e come per tutti gli umani il dolore, nelle situazioni come la sua, è troppo forte per permettere la scrittura di un’altra epica pagina di storia motociclistica. Avrà modo di farlo di nuovo presto. Tenace!

 

FRANCESCO BAGNAIA 8,5: Fino a quando la moto lo ha supportato ha dimostrato di essere gagliardo e veloce. Se son rose, fioriranno. Sfortunello!

 

YAMAHA: Perfetta sia per i giovani sia per i meno giovani.

 

HONDA: Senza il migliore, occorre arrampicarsi sugli specchi per camuffare piazzamenti mediocri in buone posizioni.

 

SUZUKI: Anonima.

 

DUCATI: Inaffidabile e poco competitiva.

 

KTM: Sicuri che sia in crescita?

 

APRILIA: Chi l’ha vista?

Fonte foto: pagina Facebook Motogp.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

1 Commento

    Avatar
  • Cioè fatemi capire, uno parte secondo e arriva secondo e prende 8 in pagella, uno parte terzo e arriva terzo e prende 9 in pagella…. bhooo, non capisco il senso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *