MotoGp, Thailandia 2019: l’analisi del Dicos

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Marc Marquez è per l’ottava volta campione del mondo. Lo spagnolo in Thailandia, nonostante una brutta caduta che ha distrutto la sua moto il venerdì, non si è perso d’animo e dalla terza casella in griglia ha deciso di festeggiare il titolo nel miglior modo possibile: tagliare il traguardo per primo.

Per Marquez sarebbe stato sufficiente prendere 2 punti in più rispetto ad Andrea Dovizioso. Ma il 93 ha l’argento vivo addosso e nonostante un Fabio Quartararo ed una Yamaha in forma, non si è accontentato.

Quartararo ha dettato il ritmo per gran parte del gran premio ma Marc, sornione, lo ha lasciato fare.

Ha cotto lentamente il rookie della Yamaha, tant’è che “El Diablo” ha iniziato a pregustare il dolce sapore della prima vittoria. Il dio del motociclismo moderno, però, con un sorpasso da urlo è volato in paradiso mentre spediva Fabio all’inferno, costringendolo a bere, per un’altra volta, un calice amarissimo.

All’inferno vanno anche coloro che dicevano che Marc soffrisse il corpo a corpo.

La gioia è, così, grande sia in sella alla Honda numero 93 sia nel box della Honda.

Chi sostiene la tesi della Honda come migliore moto, perché finge di ignorare cosa fanno gli altri hondisti, specie Jorge Lorenzo? Senza Marquez, alla Honda resterebbe solo qualche podio, altro che titoli…

Un’affermazione che condisce deliziosamente un titolo che sa di leggendario; nessuno come lui a 26 anni.

Come detto, Quartararo è stato un osso duro in Thailandia: il pilota di Nizza si candida ad essere l’antagonista numero uno di Marquez per i prossimi anni. D’accordo me nel ruolo di avversari concreti del campione del mondo in carica vedo anche Jack Miller, Maverick Vinales e Alex Rins.

Sul podio è salito anche Vinales che seppur arrivato davanti al teammate le ha prese da un privato.

Medaglia di legno per Andrea Desmodovi che, nonostante la classifica generale, a mio avviso non è mai stato un serio avversario nella lotto al titolo. Ribadisco che il buon Andrea è un ottimo pilota ma non un campione e che la Ducati, una moto molto competitiva, se vuol vincere deve ingaggiare i campioni.

Solo ottavo Mister 9 volte: la sua Yamaha non Yamaha come le altre, mannaggia mannaggia. Strano, perché gli “altri” almeno salgono sul podio o addirittura lottano per le pole position e le vittorie. Ha fatto sapere che l’anno prossimo non ci sarà più nel suo box Silvano Galbusera. Sicuro che servirà per vederlo nelle posizioni che sognano i suoi tifosi?

Purtroppo per alcuni dei suoi seguaci, specie quelli impegnati nell’urlare le telecronache o nella gara a chi allunga più la lingua, Marquez è un incubo reale. Anche se dicono che è merito del motore Honda oppure rivangano un biscotto che, nonostante l’inesistenza, continua ad essere indigesto, non riusciranno ad oscurare la stella Marquez. I loro sono solo schizzi livorosi che, tutt’al più, possono macchiare chi continua a dargli voce.

Infine un pensiero su Lorenzo: è stato in grado di farsi superare da Miller partito dal box. Sicuro che sia solo la paura di aprire il gas in sella alla Honda? Che delusione!

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick