Il Pirelli French Round ha dato vita a una delle gare più emozionanti della stagione di WorldSBK con cinque piloti in testa in fasi diverse, prima della caduta di Michael van der Mark (Pata Yamaha WorldSBK Team) a tre giri dalla fine. La vittoria sembrava fosse cosa di Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK), prima di un incredibile giro finale che ha visto Toprak Razgatlioglu (Turkish Puccetti Racing) prendere la prima posizione anche se partiva dalla sesta fila in griglia.

Subito dopo la partenza, Jonathan Rea è finito subito sotto la pressione di Michael van der Mark con i due piloti che hanno rischiato di toccarsi alla chicane Adelaide nel corso del primo giro. Il loro duello ha permesso a Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK Team) di recuperare dalla sesta posizione in griglia al secondo posto in cui si trovava a fine primo giro.

La rimonta di Sykes è continuata al secondo giro sfruttando la velocità in curva della BMW to superare Rea alla chicane Estoril, anche se il gruppo di testa era sempre più folto e coh Chaz Davies (ARUBA.IT Racing – Ducati) che è risalito dall’11^ posizione di partenza e anche Toprak Razgatlioglu è tornato in gioco, pur essendo scattato dalla 16^ casella.

Al terzo giro, Davies è stato il terzo leader in altrettanti giri ma la gioia del gallese è durata poco dato che è caduto alcuni attimi dopo alla curva 15. Davies ha perso l’anteriore della propria moto con la fortuna che ha sorriso a Toprak Razgatlioglu che lo seguiva e che è riuscito ad evitare la sua Ducati. Il caos ha portato un attimo di respiro a Sykes ma il pilota BMW è stato presto ripreso, lasciando la testa della gara a Michael van der Mark al sesto giro.

La battaglia infuocava nelle posizioni di testa e van der Mark è stato in grado di conquistare un piccolo margine mentre Jonathan Rea ha dovuto fare i conti con un momento difficile alla chicane Nurburgring. Toprak Razgatlioglu ha fatto registrare il miglior giro, ma Rea ha riconquistato la seconda posizione ai danni del pilota turco poco dopo metà gara e mettendosi all’inseguimento di van der Mark che li precedeva di un secondo e due decimi.

Dietro ai primi tre, Loris Baz (Ten Kate Racing – Yamaha) ottimo quarto con Tom Sykes quinto. Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK Team) era in sesta posizione ma sotto la pressione della rimonta di Alvaro Bautista (ARUBA.IT Racing – Ducati), con lo spagnolo a caccia di punti importanti per il campionato. Leon Haslam (Kawasaki Racing Team WorldSBK) era lì ma un highside all’ultima chicane lo ha messo fuori gioco a cinque giri dalla fine.

Davanti Jonathan Rea ha iniziato il suo inseguimento a Michael van der Mark, riducendo di molto il suo svantaggio. A tre giri dal termine i due erano in testa insieme ma le speranze di van der Mark di andarsi a prendere la seconda vittoria del 2019 sono andate in fumo quando ha perso l’anteriore della sua Yamaha alla chicane Adelaide, a causa della pression eccessiva.

Rea sembrava diretto verso la 12^ vittoria della stagione, iniziando l’ultimo giro con un secondo su Razgatlioglu ma un incredibile ultimo giro lo ha riportato sulle code del nordirlandese nell’ultimo settore. Alla staccata della curva 15, si è buttato dentro e Rea per evitare l’incidente, si è accontentato della seconda posizione.

Lotta serrata anche per l’ultimo gradino del podio con Tom Sykes a spingere a tutta per superare Loris Baz, conquistando il quarto podio della BMW in stagione. Alvaro Bautista ha chiuso quinto.

Alex Lowes sesto mentre Leon Camier (Moriwaki Althea Honda Team) è tornato alla grande dall’infortunio con un ottimo settimo posto, il miglior risultato della Honda nel 2019. Marco Melandri (GRT Yamaha WorldSBK) ha chiuso ottavo, miglior risultato da Misano, con Eugene Laverty (Team Goeleven) and Sandro Cortese a chiudere i primi dieci.

Van der Mark è risalito in moto arrivando 13° e conquistando tre punti che potrebbero essere molto importanti per la lotta infuocata per la terza posizione nella classifica mondiale. In testa, Jonathan Rea ha aumentato a 100 punti il vantaggio su Alvaro Bautista e domani potrebbe laurearsi campione del mondo per la quinta volta.

Fonte: worldsbk.com