La tappa di Misano ha regalato al mondiale il ritorno del suo re.

Marc Marquez dopo aver rincorso e tallonato per quasi tutta la gara la Yamaha di Fabio Quartararo, nelle ultimissime curve è autore di un sorpasso da urlo e di una manovra “furba” che sono un gustoso condensato di classe, grinta, cuore, intelligenza nella gestione della moto e voglia di vincere. Gli ultimi chilometri del Gran Premio di San Marino sono l’apoteosi del talento del campione del mondo in carica, il Re della MotoGp.

Chi mette in dubbio il suo talento, chi dice che è debole nei “corpo a corpo”, farebbe meglio a tacere così come farebbero meglio a tacere i ciucci gialli che lo hanno fischiato sul podio. E’ vero che anno dopo anno sono sempre meno, ma il loro atteggiamento rimane antisportivo così come sinonimo di gravi disturbi epatici.

Ho saputo che Marquez ha festeggiato brindando alla loro salute sorseggiando un quartino rossi ops di rosso…

Per capire quanto sia forte, guardate cosa ha fatto l’altra Honda ufficiale, tra l’altro la prima, dopo la sua, ad aver tagliato il traguardo. A proposito: Jorge Lorenzo è sempre più la copia sbiadita di quello che è stato.

 

El Diablo” Quartararo è sempre più una piacevole realtà ma attenzione: un conto è essere un astro nascente un altro è illuminare la galassia. Occhio a non esaltarlo troppo, altrimenti un altro caso Johann Zarco è dietro l’angolo. Con questo non voglio affatto sminuire le gesta del giovane francese; sottolineo solo che il confine tra un campione ed un pilota veloce è così sottile che occorre aspettare prima di sentenziare. Quartararo va fatto crescere e maturare senza mettergli addosso troppa pressione.

 

Terza la prima Yamaha ufficiale, quella di Maverick Vinales. Vinales, al contrario del solito, è partito forte ma non è stato, poi, in grado di tenere il ritmo indiavolato impartito da Quartararo e Marquez. Per lui è il quinto podio stagionale; soprattutto rimane ancora l’unico pilota ad aver vinto in sella ad una M1 nel 2019. Aspetterei prima di definirlo un bollito.

 

Solo quarto l’idolo di casa, Mister 9 volte. Di per sé non sarebbe un piazzamento malvagio, ma quando un ragazzino (con la moto che hai ripudiato) ed il teammate ti arrivano davanti, c’è una sola parola per definire la prestazione: scialba.

 

Quinto posto per Franco Morbidelli; c’è poco da esaltarsi visto quanto fatto, non solo a Misano, dal compagno di squadra.

Disperso e lontano dai riflettori il Dovi. E’ l’esempio calzante che fa comprendere la differenza che ho fatto all’inizio, quando ho scritto delle differenze tra i campioni e i piloti veloci.

In Ducati devono capire che per vincere il mondiale occorrono i campioni e che le piste non sono solo lunghi rettilinei.

 

Il settimo posto di Pol Espargaro, insieme al secondo posto in qualifica, sono una delle belle sorprese del fine settimana di Misano.

 

La più bella sorpresa, però, per me è stata l’affermazione del giapponese Tatsuki Suzuki nella Moto3. Il primo successo della squadra di Paolo Simoncelli dove poteva accadere se non sul tracciato dedicato a Marco? Il dio del motociclismo inventa ancora delle belle favole…