Si è svolta a Trieste, presso la sede della Regione Friuli Venezia Giulia, la conferenza stampa di presentazione del 58° Campionato Italiano di Tiro alla Targa.
Presenti alla conferenza stampa il l’assessore regionale all’ambiente Fabio Scoccimarro, il vicesindaco e assessore allo sport del Comune di Lignano Sabbiadoro Alessandro Marosa, il presidente del Comitato Regionale Fitarco Friuli Venezia Giulia Claudio Canesin, il presidente del Coni Regionale Giorgio Brandolin, il presidente del Comitato Organizzatore Anna Carnielli e il Consigliere Federale Oscar De Pellegrin. Moderatore della conferenza stampa il presidente di Ussi Friuli Venezia Giulia Umberto Sarcinelli.

Per la prima volta i Campionati Italiani di Tiro alla Targa all’aperto, l’Evento Nazionale FITARCO più atteso della stagione agonistica, approdano in Friuli Venezia Giulia. La 58ª edizione dei tricolori si disputerà dal 6 all’8 settembre presso il rinnovato stadio comunale “Guido Teghil” di Lignano Sabbiadoro,  sito in Viale Europa 142.

Saranno 573 gli arcieri che prenderanno parte ai Tricolori in rappresentanza di 164 Società provenienti da ogni parte d’Italia: 367 gli atleti della divisione olimpica e 206 nella divisione compound. Naturalmente, considerando la presenza dei tecnici e degli accompagnatori, saranno oltre mille le presenze che invaderanno la città marittima di Lignano Sabbiadoro nella tre giorni di gare, portando una sicura ricaduta economica sul territorio.

In palio i titoli italiani, per entrambe le divisioni, delle classi Ragazzi, Allievi, Juniores, Seniores e Master, che verranno assegnati dopo le 72 frecce di ranking round nelle giornate di venerdì e sabato.  Domenica, al termine degli scontri diretti individuali che cominciano dagli 1/8 di finale e al termine delle sfide a squadre e a squadre miste (dai quarti di finale), verranno invece assegnati i tricolori assoluti dell’arco olimpico e del compound, sia maschile che femminile.

Comitato organizzatore e patrocini

L’evento si svolgerà sotto l’egida della Federazione Italiana Tiro con l’Arco affidato al Comitato Organizzatore dei Campionati Italiani Targa (C.O.C.I.T. 2019) che gode del patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, del Comune di Lignano Sabbiadoro e del supporto del Comitato Regionale FITARCO Friuli Venezia Giulia.

Il Comitato Organizzatore è composto e sostenuto da 11 Società friulane: Compagnia Arcieri Trieste; Arcieri Theodoro Dal Borlus – Spilinbergo (Pn); Compagnia Arcieri Udine; Compagnia Arcieri Cormons (Go); Zarja Basovizza – Trieste; Compagnia Arcieri Celti – Tricesimo (Ud); Arco Club Tolmezzo (Ud); Gruppo Arcieri Maniago (Ud); Fiamme Cremisi Sezione Tiro con l’Arco – San Vito al Tagliamento (Pn); Arcieri Curtis Vadi (Pn) e Trieste Archery Team.

Il Comitato Organizzatore si avvale anche della collaborazione dell’ente turistico della Regione, di diverse convenzioni che potranno essere sfruttate dai partecipanti al Campionato e del supporto dell’Unione Stampa Sportiva Italiana – Gruppo del Friuli Venezia Giulia, che organizzerà un seminario riservato ai giornalisti sulle discipline sportive di destrezza e precisione, con speciale riguardo al tiro con l’arco, che si terrà sabato 7 settembre presso la sala stampa dell’impianto G. Teghil.

Gli azzurri in gara e i campioni uscenti

A Lignano Sabbiadoro ci saranno praticamente tutti gli azzurri della Nazionale FITARCO, sia senior che junior, compresi i big della Nazionale Paralimpica, che questa estate sono stati impegnati nelle rispettive rassegne iridate, ottenendo 2 pass per i Giochi Olimpici e 7 pass per le Paralimpiadi di Tokyo 2020.

Gli unici assenti saranno l’olimpionico Mauro Nespoli e il compoundista Sergio Pagni, che nel corso della stagione si sono guadagnati l’accesso alla Finale di Coppa del Mondo di Mosca (Rus) che, purtroppo, si disputerà negli stessi giorni dei Tricolori, così come gli atleti del compound impegnati in Canada ai Campionati Mondiali specialità 3D: tra questi il campione uscente friulano Jesse Sut e Giuseppe Seimandi, bronzo lo scorso anno a Trani, oltre che Irene Franchini nel femminile.

Nonostante queste defezioni, a Lignano Sabbiadoro saranno sicuramente ben rappresentate le squadre azzurre. Nell’arco olimpico difenderà il titolo 2018 l’azzurro della Scuola Federale FITARCO Federico Musolesi, che lo scorso superò in finale l’olimpionico Michele Frangilli. Lo stesso Frangilli ritenterà l’assalto al titolo così gli altri avieri azzurri, come il plurimedagliato Olimpico Marco Galiazzo e David Pasqualucci (questi ultimi due titolari con Mauro Nespoli ai Mondiali in Olanda e ai Giochi Europei di Minsk dove hanno vinto il bronzo a squadre).

Stesso discorso per il ricurvo femminile, con la campionessa uscente Tatiana Andreoli (Fiamme Oro), al suo ultimo anno da junior, di ritorno dai Mondiali Giovanili e dall’oro individuale ottenuto ai Giochi Europei, che verrà insidiata dalle compagne di nazionale titolari con lei ai Mondiali in Olanda e a Minsk, Lucilla Boari e Vanessa Landi, oltre che dalle azzurre che hanno conquistato l’oro a squadre in coppa del mondo a Berlino, Chiara Rebagliati con le atlete dell’Aeronautica Elena Tonetta e Tanya Giaccheri. Tenterà l’accesso alle eliminatorie per i titoli assoluti, oltre a giocarsi le sue chance per il titolo di classe juniores, anche l’azzurrina Karen Hervat, in forza al Trieste Archery Team, che da due anni si è trasferita presso la Scuola Federale FITARCO al Centro Tecnico di Cantalupa (To). In corsa per il podio anche la pluridecorata atleta paralimpica Elisabetta Mijno delle Fiamme Azzurre che, subito dopo ferragosto, ha vinto l’oro in Germania nella finale del circuito Para-Archery Cup.

Nella divisione compound sono due friulani i campioni uscenti: Jesse Sut, di Sesto al Reghena (Pn), che sarà però impegnato in Canada nella rassegna iridata 3D, mentre potrà difendere il titolo 2018 l’azzurra di Terzo di Aquileia Sara Ret, in forza agli Arcieri Cormons, titolare questa estate ai Mondiali in Olanda e all’Universiade di Napoli. Proverà nuovamente a giocarsi la finalissima l’azzurra paralimpica Maria Andrea Virgilio, lo scorso anno superata in finale dalla Ret, ma ci saranno anche altre contendenti per il tricolore, tutte Nazionali: tra le altre Marcella Tonioli, Anastasia Anastasio e le titolari con Virgilio ai Mondiali Para-Archery Eleonora Sarti e Giulia Pesci.

Nel maschile occhi puntati sugli azzurri Federico Pagnoni, Viviano Mior, Elia Fregnan e Valerio Della Stua, oltre che sui paralimpici Alberto Simonelli, Matteo Bonacina e Paolo Cancelli.

Nella prova a squadra i campioni uscenti, nel femminile, maschile e mixed team arco olimpico sono i capitolini Arcieri Torrevecchia, oro nel 2018 anche nel compound femminile. Nel compound maschile i campioni uscenti sono invece i siculi della PAMA Archery Milazzo, mentre nel mixed team si sono imposti lo scorso anno i piemontesi Arcieri delle Alpi.

I Campionati

Ai Campionati Italiani di Tiro alla Targa all’aperto, si tira su distanze variabili in base alle divisioni (Arco Olimpico e Arco Compound) e alle diverse classi:  Seniores Maschile e Femminile,  Master M-F, Junior M-F,  Allievi M-F e Ragazzi M-F. I Campionati Italiani per le classi Ragazzi ed Allievi, Maschili e Femminili si svolgeranno con la formula della gara 60m (72 frecce a 60 metri) per gli Allievi e 40m per i Ragazzi (72 frecce a 40 metri) della divisione Arco Olimpico e del 50m Compound Round (72 frecce a 50m) per la Divisione Compound.

I Campionati Italiani per le classi Seniores, Juniores e Master, Maschili e Femminili si svolgeranno con la formula della gara 70m (72 frecce a 70 metri) per la divisione Arco Olimpico (o Ricurvo) e con la formula del 50m Compound Round (72 frecce a 50 metri) per la divisione Compound.

Al termine delle 72 frecce di qualifica, che determinano anche la griglia degli scontri diretti per i tricolori assoluti, verranno quindi assegnati i titoli italiani di classe.

I match a scontro diretto per i titoli assoluti si svolgono con il set system per l’arco olimpico alla distanza di 70 metri su bersagli da 122 centimetri, mentre le sfide del compound si svolgono con i punteggi cumulativi su bersagli da 80 cm posizionati a 50 metri.

Copertura media

I Tricolori verranno seguiti interamente in diretta streaming da YouArco, il canale ufficiale della Fitarco sulla piattaforma youtube e una sintesi delle finali di domenica verrà trasmessa da Rai Sport.

I risultati della competizione saranno aggiornati minuto per minuto attraverso il sito ianseo.net e un’intera pagina del sito federale verrà dedicata alla manifestazione con news e tutti i link utili ai media. La manifestazione avrà ampio risalto anche sui canali social federali (Facebook, Twitter, Instagram),