Prima ancora dell’inizio della gara, Ton Kawakami (BCD Yamaha MS Racing) e il compagno di squadra Andy Verdoïa sono stati retrocessi al fondo dello schieramento per non aver superato i test di pressione degli pneumatici, così che l’unico pilota in prima fila era Galang Hendra Pratama (Semakin Di Depan Biblion Motoxracing). Manuel Gonzalez (Kawasaki ParkinGO Team) è stato fuori dai giochi per un infortunio e Scott Deroue (Kawasaki MOTOPORT) non ha ottenuto un pisto nella Last Chance Race, entrambi hanno saltato la gara di Donington Park.

È stato un primo giro strepitoso quello di Dorren Loureiro (Nutec – RT Motorsports by SKM – Kawasaki) superato poi alla seconda tornata da Mika Perez (Scuderia Maranga Racing) che è poi caduto senza riportare nessuna conseguenza.

La gara di Ana Carrasco (Kawasaki Provec WorldSSP300) è finita a causa di una caduta alla curva Melbourne Hairpin dove, insieme a lei, è uscito dalla corsa anche Borja Sanchez (Scuderia Maranga Racing). Dopo di ché, è stato Bruno Ieraci (Kawasaki GP Project) ad andare al comando della gara mettendosi alle spalle Hendra Pratama mentre Andy Verdoïa recuperava posizioni importanti per rientrare tra i primi 10.

Seguendo il gruppo di testa, Hugo De Cancellis (Team Trasimeno Yamaha) si è aggiudicato la seconda posizione ma a due giri e mezzo dalla fine è finito quarto alla Foggy Esses prima di cadere trascinando Bruno Ieraci.

Un giro più tardi, Hendra Pratama è caduto alla Melbourne Loop lasciando spazio a Jan-Ole Jahnig (Freudenberg KTM Junior Team). All’ultimo giro, Verdoïa si trovava davanti a Kevin Sabatucci (Team Trasimeno Yamaha) che era riuscito a raggiungere il gruppo di testa. Il marchigiano ha superato Verdoïa alla Foggy Esses mentre Nick Kalinin (Nutec – RT Motorsport by SKM – Kawasaki) è entrato nella mischia.

Le ultime curve hanno visto Sabatucci andare a prendersi la vittoria strappandola dalle mani di Verdoïa. Victor Steeman (Freudenberg KTM Junior Team) è arrivato quarto davanti al compagno di squadra Jahnig e a Dion Otten (MTM Racing Team), Oliver König (ACCR Czech Talent Team), Koen Meuffels (Freudenberg KTM WorldSSP Team), Dino Iozzo (Nutec – RT Motorsports by SKM – Kawasaki) e Tom Bramich (Kawasaki ParkinGO Team).

È la prima volta in questo 2019 che vediamo un italiano salire sul podio, con la vittoria di oggi, Sabatucci firma il terzo trionfo italiano nel WorldSSP300. Questo è stato anche il primo podio del 2019 con tre piloti di nazionalità diverse.

Manuel Gonzalez mantiene il primato nella classifica generale con 43 punti di vantaggio su Ana Carrasco che, si trova ancora a pari con Scott Deroue (Kawasaki MOTOPORT). Gonzalez potrebbe vincere il titolo matematicamente già a Portimao visto il grande vantaggio con cui si trova in classifica.

Fonte: worldsbk.com