Gara 1 del Campionato del mondo MOTUL FIM Superbike si è svolta sul bagnato e Donington Park è stato il palcoscenico di un’altra avvincente tappa di questa stagione. Dopo una partenza perfetta, Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) è andato al comando della corsa incassando la vittoria numero 76 e diventando leader della classifica generale mentre Alvaro Bautista (ARUBA.IT Racing – Ducati) è caduto.

È stato un inizio senza riscaldamento quello del campione del mondo in carica che è scattato benissimo andando al comando già alla curva 1 seguito dal poleman Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK Team) in seconda piazza davanti a Leon Haslam (Kawasaki Racing Team WorldSBK). Quarto posto per il pilota del Ten Kate Racing – Yamaha Loris Baz davanti ad Alvaro Bautista e ad Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK Team).

Quando la gara è entrata nel vivo, Rea ha aumentato il ritmo prendendosi due secondi di vantaggio dagli inseguitori mentre Baz cercava di aggiudicarsi un posto sul podio battendosi contro Haslam alla Melbourne Loop già al secondo giro. Toprak Razgatliolgu (Turkish Puccetti Racing) non ha fatto una buona partenza ed è scivolato in nona posizione. È stato invece Leandro Mercado (Oreelac Racing VeerdNatura) ad aspettare il momento giusto per attaccare tenendosi la 14esima piazza alle spalle di Peter Hickman (BMW Motorrad WorldSBK Team).

Al quarto giro, Bautista ha iniziato a rispondere a Lowes spingendo al massimo. Nel frattempo Alessandro Delbianco (Mie Althea Racing Team) si stava mettendo in mostra sul bagnato. Due giri dopo, il romagnolo ha fatto un salvataggio incredibile alla curva 2 riuscendo a non perdere il controllo della propria Honda quando ormai sembrava destinato a finire a terra.

Tornando a parlare dei piloti al comando, Rea ha continuato ad aumentare il proprio vantaggio anche se Sykes era impegnato a raggiungere l’ex compagno di squadra. Dopo otto giri, Rea aveva sette secondi di vantaggio, un distacco insormontabile ma non per questo si è potuto permettere distrazioni visto che stava continuando a piovere. Mentre Sykes era secondo, Haslam cercava di difendere la sua terza posizione da Baz.

Una serie di incidenti hanno messo fine alla gara di diversi piloti come ad esempio è accaduto a Jordi Torres caduto alla curva 6 e a Sandro Cortese fuori dalla gara all’ingresso della stessa curva. L’uscita di scena più rilevante è stata quella di Alvaro Bautista che ottiene il secondo zero consecutivo della stagione. Il titolo mondiale è in bilico e, dopo la caduta dello spagnolo, il pendolo si è spostato a favore di Rea ma quando mancavano ancora 10 giri la cosa importante per il nord-irlandese era confermare il vantaggio.

Se alcuni piloti cadono, altri ne approfittano, così come ha fatto Mercado che si è trovato in sesta posizione seguito da Hickman e da Michael van der Mark (Pata Yamaha WorldSBK Team). Mente Alessandro Delbianco stava facendo di tutto per assicurarsi un posto di riguardo nella top 10.

Jonathan Rea vince la terza gara in carriera a Donington Park ed è la 76esima in assoluto. Tom Sykes è tornato sul podio per la seconda volta consecutiva con la BMW, mentre Leon Haslam chiude la prima gara del fine settimana col terzo posto. Loris Baz si è confermato ancora una volta uno specialista del bagnato arrivando quarto al traguardo davanti a Lowes dopo una battaglia senza tregua.

Considerevole performance di Mercado che arrivando sesto ottiene il suo miglior risultato della stagione e della carriera. Termina la gara col sorriso anche Peter Hickman, settimo, anche per lui si tratta della miglior qualificazione in carriera. L’inglese si è piazzato davanti a van der Mark, a Delbianco e a Chaz Davies. Ryuichi Kiyonari (Moriwaki Althea Honda Team) è 11° e anche lui ottiene il suo miglior risultato in assoluto in una gara.

Per la prima volta in questo 2019, la classifica generale si trova ad avere un leader che non è lo spagnolo, infatti è il campione del mondo in carica Jonathan Rea a prenderne il controllo.

Fonte: worldsbk.com