Non è mancata l’azione in pista nella gara del WorldSSP, duelli, sorpassi, cadute e tanti colpi di scena hanno reso i 17 giri di gara una sfida continua tra i piloti in pista. Il gruppo di testa, composto da cinque piloti, ha visto poi avere la meglio a Randy Krummenacher (BARDAHL Evan Bros. WorldSSP Team) che insieme al suo compagno di squadra, Federico Caricasulo, hanno reso l’ultimo giro una battaglia per la supremazia.
Scattato benissimo dalla terza posizione, Jules Cluzel (GMT94 YAMAHA) è rimasto attaccato a Krummenacher e a Caricasulo. Anche Lucas Mahias (Kawasaki Puccetti Racing) è partito bene ma non tanto quanto Massimo Roccoli (Team Rosso Corsa) che, al via dalla nona casella, è arrivato fino alla quarta posizione.
Nei primi due giri Mahias ha provato a prendere Raffaele De Rosa (MV AGUSTA Reparto Corse) sul rettilineo cercando mandare largo l’italiano al Tamburello. Poi, dopo una serie di giri veloci ai cinque piloti al comando si è aggiunto Thomas Gradinger (Kallio Racing) registrando una serie di giri veloci.
Mahias e Gradinger hanno iniziato a ridurre il distacco dai primi tre ma le condizioni climatiche stavano rendendo la gara sempre più complicata. Un errore di Cluzel all’uscita della Variante Alta ha permesso a Krummenacher e a Caricasulo di scappare in solitaria. Pochi giri dopo, il francese si è trovato di nuovo in mezzo ad una battaglia ma questa volta con Mahias e Gradinger.
Il pericolo era proprio dietro l’angolo, un problema all’uscita della curva 22 per Cluzel ha avuto un contatto col connazionale Mahias, ne ha approfittato Gradinger per piazzarsi davanti ai due francesi. A più di metà gara, Mahias ha rimontato cercando di ottenere il meglio da questa situazione complessa. La bella notizia per i tifosi italiani è stata quella di vedere De Rosa salire sul podio al termine di questa gara.
Mentre i primi due correvano da soli, Krummenacher si è trovato alle spalle di Caricasulo quando mancava un solo giro dalla bandiera a scacchi.  Un errore dello svizzero alla curva 7 ha permesso a Caricasulo di approfittarne per passarlo alla Variante Alta ma alla Rivazza è stato Krummenacher a riprendere il comando della gara.
Sfortunatamente la bandiera rossa è stata esposta sul finale della gara, quando Roccoli è stato protagonista di un brutto highside alla Rivazza. Era steso in pista quando i soccorritori l’hanno portato in barella fuori dalla pista. Dopo aver fatto un’ottima gara in rimonta il romagnolo lascia Imola senza nessun punto.
È stato diverso il finale per Hikari Okubo (Kawasaki Puccetti Racing) che col quarto posto di oggi ottiene la sua miglior qualificazione in gara davanti ad Ayrton Badovini (Team Pedercini Racing), Isaac Viñales (Kallio Racing), Jules Cluzel e Mahias in ottava posizione davanti ad Hannes Soomer (MPM WILSport Racedays) in nona mentre Peter Sebestyen (CIA Landlord Insurance Honda) chiude la top 10.
A seguire, Jules Danilo (CIA Landlord Insurance Honda), con Loris Cresson (Kallio Racing), Kyle Smith (Team Pedercini Racing), Federico Fulligni (MV AGUSTA Reparto Corse) e Maria Herrera (MS Racing) a completare la zona punti. Peccato per Luca Ottaviani che conclude la sua prima wild card nel mondiale senza aver ottenuto nessun punto.
Qui i primi sei classificati del WorldSSP. Clicca qui per i risultati completi.
1.) Randy Krummenacher (BARDAHL Evan Bros. WorldSSP Team)
2.) Federico Caricasulo (BARDAHL Evan Bros. WorldSSP Team)
3.) Raffaele De Rosa (MV AGUSTA Reparto Corse)
4.) Hikari Okubo (Kawasaki Puccetti Racing)
5.) Ayrton Badovini (Team Pedercini Racing)
6.) Isaac Viñales (Kallio Racing)