Jerez 2019, la pagella del Dicos





MARC MARQUEZ 10: Competitivo in prova, spietato in gara. Ha voluto far capire che il re, con buona pace di camicette e camicioli vari che non si arrendono neanche di fronte all’evidenza, è lui. Per trovare un’altra Honda occorre aspettare 10 secondi ed attendere l’ottavo. La differenza è tutta nel suo polso. Successo e primato ritrovati. Straordinario!

 

ALEX RINS 9: E’ la rivelazione del 2019, l’unico che, insieme a Vinales, per talento può impensierire seriamente il campione del mondo in carica (Il Dovi lo fa, a parer mio, solo grazie alla moto). Dalla nona casella in griglia risale alla piazza d’onore grazie all’equilibrio trovato con la Suzuki. Un altro spagnolo da tenere d’occhio. Bravo!

 




MAVERICK VINALES 8,5: Ho sempre ritenuto lo spagnolo ufficiale della Yamaha un pilota veloce, di quelli in grado di fare la differenza. In questa strana MotoGp, però, per alcuni contano più gli aspetti commerciali rispetto a quelli sportivi. Quando certi parametri rimangono nella normalità, il ragazzo di Figueres è un osso duro per tutti ed il podio zittisce, insieme alla pole targata Quartararo, chi sostiene che la Yamaha sia una ciofeca. Beh, a dire il vero alcuni hanno la faccia come il loro lato b, ma questa è un’altra storia. Se la casa di Iwata lo asseconderà, le vittorie non saranno delle chimere. Vamos!

 

ANDREA DESMODOVI 5: Quarto allo spegnimento del semaforo, quarto alla bandiera a scacchi. La delusione della prima tappa europea è lui, poche chiacchiere. Arriva da leader ma ancora una volta fallisce quando si tratta di fare la differenza. I numeri dicono altro, ma rimango dell’avviso che un conto è essere dei rapidi ragionieri, un altro è essere campioni. Bocciato!

 

DANILO PETRUCCI 7: E’ autore di una prestazione in riga con le aspettative di chi è la seconda guida di un team. Bene!

 

VAPIANINO ROSSI 6: Mister 9 volte mi consenta la battuta, in quanto è andato male in qualifica e quasi male in gara. Certo c’è chi urla che anche questa volta ha fatto un rimontone epico, ma certe cose lasciamole a loro…La realtà, purtroppo, dice che in qualifica una squadra privata che di sicuro non ha lo stesso suo materiale, ha piazzato ben due piloti davanti, con addirittura uno in pole. In gara, poi, l’inascoltato compagno di squadra, è salito sul podio. Ah, ha soli 9 punti di distacco dalla vetta…Suvvia, non prendiamoci in giro, non abbiamo bisogno di raccontare le favole. Lontano!

 

FABIO QUARTARARO 9,5: La sfiga lo ha preso di mira un’altra volta, ma il francese ha classe, tanta classe. Certi record (è il più giovane poleman della storia della top class) sono battuti solo da chi ha le stimmate del fuoriclasse. Chapeau!

 

JORGE LORENZO 4: Il mondiale, ad oggi, ha smarrito un campione. Naufragato!

 

HONDA: Vince ed è chiaro il perché.

 

SUZUKI: Per essere la migliore occorrono altri, seppur pochi, cavalli.

 

YAMAHA: Non vince ed è chiaro il perché.

 

DUCATI: Potrebbe vincere ma…

 

KTM e APRILIA: deludenti.

Fonte foto: pagina Facebook Motogp.



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 5315 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*