Ranieri: “Non dobbiamo mollare”

 Ranieri: “Non dobbiamo mollare”

ESCLUSIVA AS ROMA Foto Luciano Rossi/AS Roma/ LaPresse 29/03/2019 Roma (Italia) Sport Calcio Conferenza Stampa Nella foto: Claudio Ranieri EXCLUSIVE AS ROMA Photo Luciano Rossi/AS Roma/ LaPresse 29/03/2019 Roma (Italia) Sport Soccer Press Conference In the pic: Claudio Ranieri



“Stiamo facendo di tutto. Nel momento particolare che stiamo vivendo, prendiamo gol al primo affondo del primo tempo. Riusciamo a pareggiare, non so come, ma alla prima sortita della ripresa ci fanno il secondo. È dura, cerchi di aiutare il gruppo ma gli altri corrono di più e ti mettono in mezzo: è difficile aiutarli, è difficile, ma non ci arrendiamo. È dura ma stiamo facendo del nostro meglio”.

Perché i suoi vanno così piano?

“Perché si sono allenati poco, con molti infortuni. I ragazzi hanno giocato quando dovevano recuperare. Sono stati spesso male e ora siamo in questa condizione. Io cerco di farli lavorare, ma più di tanto non posso perché ora stiamo così. Un giocatore come Zaniolo, importante in questo momento, venerdì notte è stato poco bene di stomaco e mi ha chiesto di non giocare. Ovviamente un singolo non avrebbe cambiato la partita, ma potevamo fare meglio. Il Napoli gioca bene, è in fiducia e fa girare palla, cambia spesso posizione ai suoi uomini molto bene”.

Accanirsi è ingiusto in questo momento, ma ti aspettavi un gruppo così fragile?

“Vedendo la squadra da fuori capisci determinate cose. Stando dentro le capisci meglio e cerchi di correre ai ripari e aiutare i ragazzi. C’è un po’ di tutto: il livello fisico, quello mentale e gli infortuni. Tecnicamente la squadra ha qualità, soltanto che quando prendi determinate sconfitte non riesci a sollevarti. Io ai giocatori devo dire grazie perché scendono in campo anche se non sono al cento per cento, vedi Manolas, De Rossi, Dzeko e Kolarov. Purtroppo la situazione è questa”.

“I ragazzi si sono ricompattati, vedere giocatori non al meglio che hanno voluto giocare a forza vuol dire che la faccia ce la mettono. E per me questo è importante, vuol dire che stiamo tutti sulla stessa barca. Ora cerchiamo di portarla in porto nel miglior modo possibile”.

Perché manca dinamismo alla squadra?

“Gli altri arrivano prima, corrono di più e tu grazie all’aspetto tecnico riesci a fare qualcosa, ma non è supportato dal fisico. Se mi sono pentito di aver accettato? Mai, come farei a pentirmi della Roma?”.

Come gestirai le critiche? Isolerai il gruppo dalle voci della città?

“Ci dobbiamo isolare e pensare che tra due giorni abbiamo la Fiorentina, poi ne abbiamo un’altra. Mi auguro che le partite ci facciano da allenamento”.

Загрузка...


Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *